III fascia ATA: se si accettassero solo le domande di chi ha 30 giorni di servizio non si creerebbero illusioni. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Salvatore Patacca Napoli   – Gentilissima redazione Sono Dirigente Sindacale Regione Campania del comparto scuola, nel mese di ottobre 2017 mi sono impegnato a guidare alla compilazione delle domande di terza fascia ATA, ebbene posso dire che ne sono state fatte tante forse troppo ed inutili.

Quante persone hanno presentato oltre al diploma, certificato di dattilografia e titoli informatici con date di rilascio Ottobre 2017. che ci fosse un commercio di questi titoli? Inoltre anche diplomi rilasciati da Istituti privati….e sevizi prestati in scuole paritarie.

Il sottoscritto da persona coerente non ha dato false speranze anzi sono stato molto realista nel dire non si illuda.

Tengo a precisare che l’organizzazione sindacale a cui appartengo e’ firmataria di contratto, e per la compilazione della domanda con registrazione su istanze on line non ha chiesto un Euro rendendosi conto che chi presentava la domanda non era precario ma bensi’ disoccupato ragion per cui non sarebbe stato moralmente onesto.

Ai segretari Nazionali delle organizzazioni sindacali di cui faccio parte di uno di questi chiedo:  Il prossimo bando si ispiri al DM75/2001 ovvero richiesta dei 30 giorni di  servizio per la riconferma ed eventuale iscrizione. Ed io? ” Speriamo Che Me La Cavo”

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare