Idonei TFA sostegno: Ministro emani decreto per ammissione al V ciclo

Stampa

Comunicato GISS Italia – Idonei TFA sostegno – L’ora della verità tarda ad arrivare per gli Idonei al IV ciclo TFA sostegno. Confidiamo che il Ministro Azzolina confermi le dichiarazioni espresse in qualità di sottosegretario.

L’ennesimo incontro tra Miur e sindacati, avvenuto in data 22 Gennaio 2020, by-passa la questione Idonei al IV ciclo TFA sostegno. Eppure la ex-Sottosegretaria Azzolina, oggi Ministra, era stata chiara ed esaustiva in un post Facebook del settembre 2019, affermando con sicura certezza:
“Voglio tranquillizzare i tanti che in questi mesi mi hanno scritto e che continuano a chiedere risposte precise. Il decreto che regola il corso di specializzazione sul sostegno è chiaro: gli idonei hanno diritto direttamente alla frequenza in soprannumero del prossimo ciclo. Prossimo ciclo che
sarà bandito al più presto. Discontinuità col passato significa rispettare i tempi e trattare le persone da cittadini e non da sudditi”.

Attendiamo quindi che il Ministro dia seguito alle sue affermazioni emanando il Decreto che definisca i criteri di ammissione al V ciclo TFA sostegno. È ormai un anno che i circa 7.000 idonei attendono una definizione del proprio percorso professionale, aspiranti docenti che hanno
superato tre durissime prove selettive (quiz, scritto ed orale) risultando idonei ad essere formati come docenti di sostegno.

In questa fase iniziale di insediamento, dove è prioritaria la volontà di apprendere con attenzione tutte le problematiche della scuola, ci attendiamo che il Ministro convochi anche il nostro gruppo.

Rappresentiamo circa 7.000 Idonei e abbiamo un’organizzazione nazionale, con un suo direttivo ed una pagina Facebook per informare tutti gli iscritti. Siamo un soggetto reale, portatore di istanze concrete e speriamo che il Ministro voglia accoglierci. Invieremo presto al Ministro la nostra
richiesta formale, direttamente negli uffici del Miur.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia