Iannicelli: docenti quattro mesi di ferie pagate, non supererebbero la maturità, scuola sotto casa o apriti cielo

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Si tratta del commento del giornalista, conduttore ed autore tv, formatore, scrittore Giuseppe Iannicelli, che parlando di sè afferma di amare “i viaggi e l’arte, la buona cucina e la conversazione, lo sport ed il teatro, un tramonto ed un buon libro”.

Sul proprio profilo FaceBook ironizza simpaticamente sull’errore grammaticale apparso sul sito del Ministero, le ormai famose “traccie”.

“In bocca al lupo, ragazzi – scrive Iannicelli su FaceBook – e leggete bene le traccie della prova d’Italiano”.

Sotto al detto messaggio, inoltre, Iannicelli si inserisce nello stagionale dibattito sulla mobilità dei docenti e sul periodo di sospensione delle attività didattiche per il periodo estivo.

“Quattro mesi di ferie pagate, – scrive lo scrittore, giornalista e conduttore tv – nessun controllo serio sulla docenza ed il profitto degli studenti, scuola sotto casa o apriti cielo. Professori ignoranti. Facciano loro l’esame di maturità e si mettano a studiare perché la stragrande maggioranza l’esame non lo superasse (o supererebbe???)”

Ecco il post

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione