I test invalsi obbligatori solo per campione di scuole

di
ipsef

red – A darne conferma sarà una nota del MIUR inviata direttamente alle scuole. E’ quanto apprendiamo da un articolo apparso sul quotidiano "La Stampa".

red – A darne conferma sarà una nota del MIUR inviata direttamente alle scuole. E’ quanto apprendiamo da un articolo apparso sul quotidiano "La Stampa".

Secondo quanto riportato da quotidiano le prove "sono condotte dall’istituto su un campione di scuole attraverso rilevatori esterni che seguono direttamente la fase di erogazione e di tabulazione delle prove. Non è quindi richiesto agli insegnanti delle classi comprese nel campione alcun tipo di intervento straordinario o aggiuntivo".

Quindi il MIUR "invita anche le scuole non comprese nel campione a utilizzare le prove come un’ulteriore opportunità offerta per compiere un’analisi delle competenze dei loro stuenti. Ma è una scelta dei singoli istituti."

Una opportunità che in alcune scuole, come alla Settembrini di Roma a considerare la prova come compito in classe. “Da noi – spiega Massimo La Rocca, preside della media Settembrini di Roma – 300 ragazzi faranno la prova. Per dare maggiore serietà a questo evento lo scritto Invalsi sarà utilizzato come se fosse un normale compito in classe. Noi crediamo in questo strumento”. La citazione è stata estrapolata da un articolo del quotidiano “Il Messaggero”.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione