I “Pro Vita” contro la carriera alias: “Diffide a 150 scuole, intervenga Valditara. Dire no è atto coraggioso di civiltà”

WhatsApp
Telegram

“Abbiamo lanciato la più vasta campagna legale contro l’ideologia gender in Italia, notificando circa 150 diffide ad altrettante scuole che hanno approvato la cosiddetta Carriera Alias per “alunni transgender” su pressione del movimento LGBTQIA+, intimandone l’immediato annullamento”.

Così Jacopo Coghe, portavoce di Pro Vita & Famiglia Onlus,  movimento ultra-conservatore che si oppone a diritti come l’aborto, le unioni omosessuali e la transizione di genere.

“Nelle diffide sono esposte le ragioni per cui assegnare un nome diverso a uno studente in base a una mera auto-percezione di genere, per di più priva di una diagnosi di disforia di genere, non solo è una procedura dannosa per la sua sana maturazione psico-fisica, ma è soprattutto in aperto contrasto con le normative vigenti in campo amministrativo, civile e potenzialmente anche penale. La Carriera Alias, infatti, è un atto viziato da incompetenza in quanto l’amministrazione scolastica non ha alcun potere di modificare il nome anagrafico e l’identità legale di un individuo, e può comportare o incitare alla violazione dell’art. 479 del Codice Penale, che prevede il reato di “Falsità ideologica commessa dal pubblico ufficiale in atti pubblici”.

“I primi risultati sono incoraggianti: a pochi giorni dall’invio delle prime diffide abbiamo già ricevuto risposte positive da parte di scuole che hanno immediatamente annullato la Carriera Alias o fissato Consigli d’Istituto per provvedere quanto prima. È sempre più urgente un intervento risolutore del Ministero dell’Istruzione per mettere fine una volta per tutte al proliferare incontrollato di questo ideologico abuso giuridico. Dire no alla “Carriera Alias” è un atto coraggioso e di civiltà da parte delle scuole, perché significa proteggere gli studenti, soprattutto se minorenni, dai rischi che corrono nel consolidare una auto-percezione soggettiva spesso temporanea, che può portare ad assumere farmaci ormonali per il blocco dello sviluppo sessuale o addirittura operazioni chirurgiche anche irreversibili non prive di gravi problematiche per la salute psicofisica dei giovani”.

Come segnala La Repubblica, il Ministero dell’Istruzione e del Merito, attualmente, non ha stilato linee guida che servano da modello alle scuole per redigere i protocolli e così l’adozione della carriera alias dipende dalla più o meno alta sensibilità delle singole direzioni scolastiche, a volte disorientate sul da farsi. Mancano linee guida che servano da modello alle scuole per redigere i necessari Protocolli, e l’adozione della carriera alias viene lasciata alla sensibilità delle singole direzioni scolastiche, spesso disorientate sul da farsi.

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur