I precari formeranno i colleghi sovrannumerari sul sostegno che prenderanno il loro posto?

di Lalla
ipsef

Lalla – I docenti di sostegno in subbuglio. L’ANSAS ha pubblicato un bando di selezione per tutor destinati a formare il personale docente sovrannumerario da ricollocare sul sostegno. Possono partecipare anche i docenti a tempo determinato, che potrebbero così diventare i tutor dei colleghi che nei prossimi anni occuperanno quel posto che fino ad oggi è assegnato a supplenza annuale.

Lalla – I docenti di sostegno in subbuglio. L’ANSAS ha pubblicato un bando di selezione per tutor destinati a formare il personale docente sovrannumerario da ricollocare sul sostegno. Possono partecipare anche i docenti a tempo determinato, che potrebbero così diventare i tutor dei colleghi che nei prossimi anni occuperanno quel posto che fino ad oggi è assegnato a supplenza annuale.

L’avvisaglia di quello che sta per accadere si era avuta in estate, quando a Torino l’Ambito territoriale aveva collocato su posti di sostegno docenti di ruolo non in possesso della relativa specializzazione, pur di far fronte al sovrannumero causato dalla riforma della scuola secondaria di II grado. Solo un tempestivo intervento dei sindacati e la creazione di un compatto e determinato gruppo di docenti di sostegno precari è riuscito ad ottenere il rispetto della normativa, che impone il possesso della specializzazione per le attività didattiche di sostegno.

Anche nei recenti resoconti sindacali si è letto della volontà del ministero di procedere alla riqualificazione dei docenti soprannumerari in insegnanti di sostegno.

Non ci si aspettava che venissero chiamati a svolgere la funzione di tutor anche i docenti a tempo determinato, con servizio come insegnante di sostegno per almeno 3 anni consecutivi nell’arco degli ultimi 5 anni. In questo modo infatti si viene a creare il paradosso che il docente precario formi il collega di ruolo che, diventando soprannumerario, andrà ad occupare la cattedra che finora ha permesso al precario di continuare ad esistere all’interno della scuola.

A quanto è dato sapere, la partecipazione al corso sarà volontaria, ma potrebbe verificarsi che molti docenti si trovino "costretti" a parteciparvi in vista di una possibile soprannumerarietà determinata non solo dalla riforma degli ordinamenti, ma anche dal dimensionamento scolastico.

Ricerca docenti di sostegno per riconversione professionale colleghi

Versione stampabile
anief
soloformazione