“Laureati in Scienze della formazione primaria trovano subito lavoro”

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sono le parole del vicesindaco di Firenze, a commento della cronica mancanza di maestre, che ha suscitato la lettera di alcuni genitori. 

“Siamo perfettamente consapevoli della difficoltà della situazione. E abbiamo già adottato tutte le contromisure in nostro potere”. Si legge in un comunicato del Comune.

C’è una carenza di insegnanti generalizzata che colpisce tutte le scuole, anche le statali – ha ricordato  il vicesindaco e assessore all’Istruzione Cristina Giachi – ad aggravare la situazione, sono le continue chiamate dallo stato che non conoscono limiti di tempo. Una sorta di concorrenza sleale, che muove dalle legittime aspirazioni dei lavoratori del mondo della scuola di progredire nella loro carriera.

“Avevamo lunghe graduatorie attive che si sono rivelate infruttuose – ha proseguito la Giachi  – per questo sono state attivate le procedure di concorso per selezionare nuovi insegnanti, sia a tempo determinato, sia indeterminato. Il concorso per il tempo determinato si svolgerà presto, prima di Natale. Mentre il bando per il concorso a tempo indeterminato sarà in Gazzetta ai primi di dicembre”.

“Già da tempo – ha concluso – avevo attivato una sorta di allarme con il rettore dell’università di Firenze e con il ministro nei primi mesi del 2018 sollecitando attenzione per il basso numero di laureati nei percorsi di formazione abilitante all’esercizio di questa professione così delicata e al momento così necessaria. Ad oggi se ci si laurea in scienze della formazione primaria si trova subito lavoro”.

Versione stampabile
anief
soloformazione