Argomenti Didattica

Tutti gli argomenti

I laboratori linguistici nella scuola dell’infanzia per garantire la crescita del bambino: un esempio di progetto di lingua inglese per alunni di 5 anni

WhatsApp
Telegram

Scegliere la scuola dell’infanzia è, da sempre. Una cosa molto delicata per la vita dei bambini ma anche per quella (vedi, ad esempio, le modalità organizzative della famiglia) dei genitori: infatti, i genitori devono assumersi la responsabilità di scegliere per i propri figli e scegliere, naturalmente, ciò che è meglio per loro. Un meglio che non può che essere complessivo e generale. Una delle scelte importanti è quella relativa alla tipologia di scuola da individuare, in un momento in cui, ovunque, anche nei piccoli centri, la scuola pubblica non è assolutamente in grado di fronteggiare la richiesta sempre più crescente e sempre più esigente. La non obbligatorietà della scuola dell’Infanzia, d’altronde non gioca positivamente alla cosa. Dunque, molti genitori optano per un istituto paritario nel quale il bambino abbia la possibilità di frequentare ininterrottamente, senza liste d’attesa, e, principalmente, avendo la possibilità di optare per piano educativi particolari come, ad esempio, la scelta di scuole con laboratori linguistici a partire dalla scuola dell’infanzia, che, in taluni casi (in molti, per la verità) potrebbe rivelarsi un’ottima soluzione.

L laboratorio linguistico creativo e il laboratorio linguistico multimediale nella scuola dell’Infanzia

Perché scommettere sulla laboratorialità dell’organizzazione della scuola dell’Infanzia? Perché sarebbe utile che questa fosse la migliore forma di gestione della formazione nella scuola dei più piccoli del percorso educativo? La risposta è netta ed è chiarissima: “grazie ad un laboratorio linguistico creativo per la scuola dell’infanzia oppure ad un laboratorio linguistico multimediale, il bambino avrà l’opportunità di interagire con gli altri e l’ambiente circostante, oltre ad andare alla ricerca ed alla scoperta di sé stesso, affrontando nel migliore dei modi il primo passo verso l’autonomia ed il primo distacco dai suoi familiari” si legge nel documento dell’Istituto Comprensivo Don Carlo San Martino – Villa Olginati di Montano Lucino (Como) guidato dalla dottoressa Michela Farina .

Le finalità di un concreto progetto linguistico per la scuola dell’infanzia

Da sempre abbiamo cavalcato l’importanza di scelte laboratoriali per ogni grado dell’istruzione, Anche la scuola dell’infanzia che accoglie i bambini dai 3 ai 5 anni sarebbe utile e necessario modellare esperienze in forma laboratoriale. Questa, infatti, è la fascia d’età nella quale si è comprensibilmente più indifesi; ed è in questi anni (pochi ma importanti) che cominciano a prendere forma ed a modellarsi, anche naturalmente in base alle esperienze, sia il carattere che la personalità. Queste le motivazioni per le quali sono necessari (se non addirittura indispensabili) i progetti linguistici della scuola dell’infanzia. Laboratori che si inseriscono esattamente in un contesto formativo che potenzia la persona e avvia i piccolissimi alunni a quello che è e rappresenta lo step successivo, ovvero quello che riguarda l’ingresso nel mondo della scuola primaria.

Innescare meccanismi di socializzazione

Tra gli obiettivi perseguiti dai giochi linguistici, da avviare attraverso percorsi laboratoriali, nella scuola dell’infanzia, quella che andrebbe resa obbligatoria e spalmata capillarmente sul territorio nazionale, è quello di innescare meccanismi di socializzazione, per mezzo dei quali tentare (riuscire, potremmo dire) di fare emergere i talenti e le qualità dei bambini, spinti anche e principalmente al lavoro di gruppo. Infatti, è assolutamente visibile come le attività realizzate all’interno dei laboratori linguistici della scuola dell’infanzia “si basano su principi fondamentali che portano all’interiorizzazione dei valori della condivisione, della collaborazione, dell’integrazione, dell’accoglienza, dell’orientamento e dell’educazione, imprescindibili per garantire una buona formazione ed una crescita personale, che vada al di là dei semplici libri” come si legge nel documento dell’Istituto Comprensivo Don Carlo San Martino – Villa Olginati di Montano Lucino (Como).

Sarebbe necessario un laboratorio di logopedia

Talune scuole dell’Infanzia dispongono già di un laboratorio di logopedia. Saranno i genitori a valutare, con il supporto degli insegnanti la frequenza di una tipologia tanto specialistica quanto importante di laboratori. Indipendentemente dai problemi che un bambino possa effettivamente avere, la frequenza di determinati laboratori e la partecipazione ad attività di logopedia è utile a tutti anche per prevenire eventuali problemi che potrebbero innescarsi nel futuro.

Il laboratorio linguistico creativo

Determinante può essere, in una scuola dell’Infanzia, la presenza di un laboratorio linguistico di tipo creativo, per mezzo della frequenza del quale i piccolissimi allievi del primo grado dell’istruzione potranno apprendere anche la lingua inglese (troppo poco studiata nel nostro Paese) mediante attività basate sul gioco e sul divertimento che è capace, senza dubbio alcuno, di appassionare e di coinvolgere più d’ogni altra cosa. I laboratori linguistici nella scuola dell’infanzia, secondo quanto è stato, fin qui, argomentato, sono assolutamente determinanti per la formazione di un bambino del XXI secolo, capace di affrontare il mondo del domani, giocando e svagandosi, e avrà sicuramente la possibilità di apprendere un metodo che lo preordini anticipatamente allo studio che caratterizzerà tutti gli altri gradi dell’istruzione, però, in questo primo step, con assoluta serenità, armonia interiore. Come si legge nel progetto del Collegio Immacolata di Conegliano “laboratorio è fondamentale nella scuola dell’Infanzia perché avvicina i bambini ad una lingua straniera e ciò significa accompagnarli nell’esplorazione del fenomeno linguistico tenendoli per mano in modo rassicurante e facendo loro comprendere che esistono nel mondo molte lingue che si possono imparare per comunicare”.

I docenti e la scuola che fanno la differenza

Il bambino inserito in una scuola che sceglie la laboratorialità, come unica via al miglioramento dell’offerta formativa, ha “la possibilità di conoscere se stesso e si relazionerà con il mondo che lo circonda grazie anche alla presenza di docenti preparati e specializzati e di educatori professionisti, il cui compito è quello di far emergere i talenti e la creatività del bambino”. Una scuola con una ricca offerta formativa di laboratori linguistici riesce a valorizzare singolarmente l’alunno in base alle sue naturali propensioni.

Il laboratorio linguistico multimediale

Anche il laboratorio linguistico multimediale, si colloca nello stesso solco progettuale di quello creativo. Tale scelta renderà i piccoli alunni coscienti dell’uso di determinati strumentalità informatiche fornendo loro la possibilità di un approccio fattivo, concreto e positivo al mondo multimediale che, in questi ultimi due anni ha cambiato la nostra scuola e la nostra quotidianità.

 

Il progetto linguistico per la scuola dell’infanzia e il metodo formativo di successo

Il laboratorio linguistico creativo e il laboratorio linguistico multimediale assolvono a compiti precisi: sono destinati all’apprendimento della lingua inglese ed a quello delle nozioni base dell’informatica. Le attività vengono svolte sotto il controllo di un docente madrelingua specializzato che seguirà direttamente ogni alunno impegnato nel laboratorio specifico. Il successo dei giochi linguistici della scuola infanzia deve essere assicurato, dove è possibile (ma questa dovrebbe essere la scelta migliore per la tipologia di utenza) pure dalla presenza di pochi alunni per ogni classe che consente agli educatori di dedicarsi ad ogni allievo, in base alle sue esigenze e potenziando e privilegiando continuamente l’approccio ludico-ricreativo che, tra l’altro, andrebbe bene pure per le prime classi della Primaria. Imparare giocando è l’obiettivo primo perseguito e programmato preventivamente, ad esempio, dal corpo docente della scuola dell’infanzia di Montano Lucino, “il cui modello formativo si è rivelato di grandissimo successo nel corso degli anni”. La scuola cambia e si adatta ma per farlo tutti dovremmo avere consapevolezza del nostro ruolo e delle ricadute educative e formative delle nostre scelte metodologiche, didattiche e pedagogiche.

Il laboratorio linguistico

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur