I giovani under 35 in pensione a 74 anni con un assegno di 1000 euro al mese. L’allarme sul futuro previdenziale: “Condannati a procrastinare l’uscita da lavoro”

WhatsApp
Telegram

L’età pensionabile in Italia continua a crescere, e per i giovani che hanno iniziato a lavorare nel 2020, il futuro previdenziale appare in bilico. Con l’età prevista di pensionamento fissata a 71 anni, l’Italia supera tutti i principali paesi europei in questo inquietante primato.

Al Sole 24 Ore, Maria Cristina Pisani, presidente del Consiglio Nazionale dei Giovani (CNG), ha recentemente espresso forte preoccupazione per questa tendenza, sostenendo che, considerando la discontinuità lavorativa e le basse retribuzioni, molti giovani potrebbero ritrovarsi con pensioni appena superiori agli assegni sociali. Questo scenario, come Pisani sottolinea, potrebbe diventare “socialmente insostenibile”.

Lo studio di Eures citato dal CNG offre una prospettiva ancora più preoccupante. Secondo le proiezioni, se i giovani dovessero rimanere al lavoro fino al 2057, la pensione media potrebbe essere soltanto di 1.577 euro lordi mensili per i dipendenti e di 1.650 euro per coloro con partita Iva.

Sempre al Sole 24 Ore, Alessandro Fortuna, specialista in politiche occupazionali e previdenziali, evidenzia che l’attuale sistema, basato sul calcolo contributivo, non solo perpetua le diseguaglianze ma penalizza ulteriormente i lavoratori con redditi più bassi. Ciò nonostante, l’Italia presenta una spesa pensionistica pari al 17,6% del PIL, la seconda più alta nell’UE27.

Il vero colpevole? La disparità retributiva. Nel 2021, i lavoratori sotto i 25 anni hanno guadagnato in media solo l’40% della retribuzione media complessiva. Aggravando la situazione, vi è un crescente trend verso l’instabilità contrattuale. Dal 2011 al 2021, i contratti a tempo indeterminato tra i giovani sono diminuiti del 10%.

Riconoscendo questa critica situazione, il CNG chiede con urgenza una “pensione di garanzia” per i giovani, che includa supporto e copertura per periodi di formazione e fragilità salariale.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri