I genitori: “Durante le vacanze i docenti assegnano compiti con il registro elettronico. La pressione sui ragazzi è tangibile”

WhatsApp
Telegram

Il registro elettronico, uno strumento fondamentale nel processo didattico moderno, sta riscontrando un problema crescente. Genitori e studenti, come riportato dal gruppo Facebook ‘Genitori nella Scuola’, evidenziano un uso scorretto di questo strumento: l’assegnazione di compiti nei periodi di chiusura scolastica, come la sera, i fine settimana e durante le vacanze di Natale.

La pressione sui ragazzi è tangibile. Esempi concreti, come segnala AGE Toscana, sono emersi da testimonianze di genitori che segnalano un aumento dei compiti assegnati tramite il registro elettronico durante i periodi festivi, generando un senso di soffocamento e una mancanza di respiro per gli studenti, già impegnati in una settimana piena di verifiche e interrogazioni.

Le pratiche sollevano interrogativi sulla normativa e sul diritto alla disconnessione, un diritto che anche i docenti rivendicano. Alcune famiglie, preoccupate, si interrogano sulla possibilità di organizzare le proprie vacanze senza l’ansia di dover rispettare scadenze improvvise di compiti.

La discussione ha portato alla luce anche possibili soluzioni. Alcune scuole hanno introdotto regolamenti che prevedono l’assegnazione di compiti solo fino all’ultimo giorno di scuola prima delle vacanze, per permettere alle famiglie di organizzarsi. Tuttavia, queste misure hanno generato reazioni contrastanti.

Da segnalare è anche il problema tecnologico: a volte i compiti appaiono in ritardo sul registro elettronico a causa di problemi tecnici, non per volontà del docente. È emerso inoltre che il registro elettronico non dovrebbe sostituire completamente il diario cartaceo o diminuire l’attenzione in classe.

Per i genitori che riscontrano questa problematica, il consiglio è di rivolgersi al rappresentante di classe, che a sua volta può portare la questione all’attenzione del docente, del coordinatore o del dirigente scolastico per cercare una soluzione. È fondamentale ricordare che, secondo l’art. 1 del Regolamento sulla valutazione degli alunni (DPR 122/2009), ogni studente ha diritto a una valutazione tempestiva e trasparente. Pertanto, i compiti assegnati durante le vacanze devono essere corretti e i risultati comunicati in modo chiaro agli alunni e alle loro famiglie.

L’uso del registro elettronico, sebbene sia uno strumento efficace nella gestione didattica, richiede un uso consapevole e rispettoso delle esigenze di studenti e famiglie, specialmente durante i periodi di pausa scolastica.

WhatsApp
Telegram

Concorsi PNRR: prove scritte: 11-12 marzo infanzia e primaria, 13-19 marzo secondaria. Preparati al rush finale con EUROSOFIA