I DSGA facenti funzione chiedono un concorso riservato. Lettera

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Inviato da Francesca Filiti – Sappiamo,  si lo sappiamo, che il concorso è previsto dalla legge per l’accesso ai ruoli della pubblica amministrazione e ne conosciamo finanche !

 le fonti giuridiche.. (d’altronde qualcosina dobbiamo pur saperla se per anni abbiamo portato avanti il ruolo di DSGA senza avere mai avuto rilievi di qualsivoglia genere e competenza sufficiente per portare avanti obiettivi non semplici e raggiungerli!!!!)
Sappiamo anche che è il metodo tipico, attraverso il quale si realizza il cosiddetto merit system (‘sistema del merito’), in contrapposizione con altre logiche di selezione, anche se obsoleto! ? nozionistico!!
Si sì…. sappiamo anche questo.
Ma vogliamo parlare della finalità del concorso ?
Ebbene, se il meccanismo del concorso deve essere finalizzato a garantire UGUALI possibilità di accesso alle posizioni per cui si svolge la selezione, attraverso una VALUTAZIONE OGGETTIVA DELLA CAPACITÀ di svolgere i relativi compiti,  mi chiedo:
– UGUALI!?! possibilità di accesso – non mi pare sarà  così  per DSGA FF in caso di concorso ordinario – vogliamo concorrere ma ad ermi pari, e se per vent’anni c’è stato il vuoto, quel vuoto creato da una cattiva gestione, che noi abbiamo riempito con il nostro lavoro, non dobbiamo essere  noi a pagarne le conseguenze
– attraverso una VALUTAZIONE OGGETTIVA DELLA CAPACITÀ di svolgere i relativi compiti?!?! – mi pare  che questa capacità l’abbiamo   già ampiamente dimostrata  in tutti questi anni portando avanti con serietà e professionalità le scuole dove abbiamo avuto l’incarico, facendoci carico, alcune volte,  di situazioni pesantissime
Cos’altro dobbiamo ancora dimostrare!? Perché giuro che mi sfugge ….


Francesca Filiti

 

Versione stampabile
anief anief
soloformazione