I docenti di ruolo: dateci le assegnazioni provvisorie su sostegno, siamo più formati dei precari “pescati” da graduatorie di istituto o MAD

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Comitato Non si svuota il sud – Nonostante il particolare e delicato momento storico-politico, i lavoratori della Scuola Pubblica si affidano alle SS.LL per interloquire ad oltranza sulle Assegnazioni Provvisorie in deroga.

Si parla tanto di “Diritto dell’ alunno disabile ad avere personale specializzato”: nel nostro ordinamento non basta essere immessi in ruolo; è uno dei pochi settori pubblici in cui il lavoratore deve sostenere un anno di prova e formazione e superare il colloquio.

La professione, quindi, viene certificata ed approvata da un comitato di valutazione e dal Dirigente Scolastico, dopo un percorso formativo lungo un anno scolastico.

Gli idonei all’ insegnamento sono solo gli insegnanti di ruolo, esiliati 107 ed immobilizzati, che sono stati sottoposti a tale prova. Non sono né le MAD, né i precari senza ruolo e senza titolo, i quali non hanno certificato le proprie competenze.

L’esclusività va salvaguardata e l’inclusione deve essere di qualità.

I tempi in cui i precari venivano pescati dalla graduatoria d’istituto per mancanza di specializzati, sono superati.

La scuola non funge da rifugio peccatorum e l’assunzione straordinaria ha cercato di rimettere sulle rotaie un settore fortemente precarizzato, in cui il compito del docente è di enorme responsabilità verso le nuove generazioni. Pare doveroso ricordare che gli 8000 insegnanti siciliani e gli oltre 20000 docenti delle altre Regioni del Meridione attendono risposte da ben tre anni dal MIUR. Alle parti sociali, pertanto, il compito di mediare il CCNI, da cui potrebbero scaturire risposte concrete, che riporterebbero a casa i docenti fuori sede.

Dopo gli specializzati sia di ruolo che non, siano concesse ai docenti di ruolo le Assegnazioni Provvisorie in deroga sul sostegno nella propria provincia: è un atto dovuto alla comunità degli alunni e ai loro genitori.

Appello rivolto alle Organizzazioni Sindacali GILDA CGIL CISL UIL COBAS UNICOBAS USB CUB ANIEF-CISAL

Assegnazioni provvisorie, eliminazione obbligo convivenza e utilizzo su sostegno senza titolo: il MIUR non accetta

Versione stampabile
anief
soloformazione