I contagi crescono e fanno paura, chiudere le scuole e continuare con la Dad. Lettera

Stampa

Inviata da Mario Bocola – Il numero dei contagi sta diventando preoccupante. Molte scuole d’Italia non hanno aule a norma per consentire il distanziamento di un metro con il dispositivo di protezione.

Gli alunni non rispettano tutti le regole anticovid, nonostante i docenti stiano sempre ad intimarli. Non ci sono, insomma le condizioni per continuare le lezioni in presenza in quanto i numeri dei contagi hanno superato quelli di marzo.

Dobbiamo aspettare che ci contagiamo tutto il personale scolastico? Purtroppo dobbiamo riaprire la didattica a distanza perché il coronavirus con l’autunno inoltrato e l’anticipo dell’inverno raddoppierà e se non triplicherà il numero dei contagi, dei ricoveri e dei decessi. Fino al vaccino il virus non è sconfitto.

Mettiamocelo bene in testa. Altro che restrizioni se gli alunni la mattina a scuola sono forzatamente costretti ad indossare la mascherina mentre la sera possono uscire a
gruppi con i loro coetanei, recarsi in bar e pub o andare a zonzo senza indossare misure di protezione individuale. La realtà è questa e la dobbiamo affrontare a denti stretti. Non è vero che le scuole non sono veicolo di trasmissione dei virus, anzi proprio la riapertura delle scuole ha posto all’attenzione il problema dell’aumento dei casi sintomatici o asintomatici che siano. I numeri stanno crescendo a vista d’occhio: è il caso di intervenire.

Stampa

Con i 24 CFU proposti da Mnemosine puoi partecipare al Concorso. Esami in un solo giorno in tutta Italia