I banchi monoposto di Arcuri non rispettano le normative antincendio: lotto ritirato dalle scuole. Azzolina risponde a Meloni: “Non sono quelli a rotelle”

Stampa

Ancora polemiche sui banchi monoposto. Dovevano garantire la sicurezza degli alunni in classe, assicurando il distanziamento sociale, ma i banchi sono stati ritirati: non rispettavano le norme antincendio. Lo ha stabilito il generale Francesco Paolo Figliuolo e il ritiro avrà un costo di 173mila euro.

Si legge sul Tempo: Questi banchi fanno parte del bando indetto da Arcuri nell’estate scorsa. Le aziende vincitrici furono tredici. Una di queste è la portoghese Nautilus, che sottoscrisse due contratti. Il primo, da 2,2 milioni di euro, per la fornitura di 70mila sedie. Il secondo, da 7,3 milioni, per 110mila banchi monoposto”.

I banchi erano stati sin da subito osteggiati dalle scuole: la loro lunghezza non rispettava gli spazi disponibili nelle classi e molti dirigenti decisero di non adottarli. Ora il ritiro definitivo.

Nella determina di Figliuolo, leggiamo che “a seguito di specifiche analisi merceologiche è emerso che gli arredi scolastici forniti dalla ditta Nautilus hanno evidenziato la non conformità degli stessi alle normative in materia di sicurezza antincendio, impedendone l’uso ed imponendone il ritiro dagli istituti scolastici ove erano stati distribuiti al fine di eliminare i possibili rischi in caso di incendio”. 

Su Twitter arriva la risposta dell’ex ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina: “Nessun banco a rotelle è stato ritirato. Più che pensare agli arredi scolastici ordinati dai dirigenti scolastici scrivere falsità, è meglio che guardi ai fatti gravi emersi dall’inchiesta di Fanpage”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur