I 27 Paesi della UE spendono il 5% del loro PIL per l’istruzione

Di
Stampa

Giulia Boffa – Nel 2008, la percentuale della spesa pubblica totale per l’istruzione era più del 5% del PIL in molti Paesi europei. Danimarca, Cipro e Islanda avevano il tasso più alto al 7% mentre gli altri Paesi nordici come anche il Belgio e Malta rimanevano al 6%. Di contro, in slovacchia e Liechtenstein, la spesa pubblica rappresenta meno del 4% del PIL. A fornire i dati "Cifre chiave dell’istruzione 2012" dell’Unione Europea

Giulia Boffa – Nel 2008, la percentuale della spesa pubblica totale per l’istruzione era più del 5% del PIL in molti Paesi europei. Danimarca, Cipro e Islanda avevano il tasso più alto al 7% mentre gli altri Paesi nordici come anche il Belgio e Malta rimanevano al 6%. Di contro, in slovacchia e Liechtenstein, la spesa pubblica rappresenta meno del 4% del PIL. A fornire i dati "Cifre chiave dell’istruzione 2012" dell’Unione Europea

Nel periodo 2001/8, la percentuale del PIL dedicata all’istruzione è rimasta stabile al 5% circa in tutta la UE. Questa media stabile nasconde disparità tra i Paesi, alcuni dei quali hanno sperimentato cambiamenti significativi nel periodo. In Bulgaria, Cipro e Islanda , la percentuale di PIL destinato all’istruzione è cresciuta di oltre il 20% tra il 2001 e il 2008 e in Irlanda e a Malta di più del 30%. Una crescita significativa di oltre il 10% si è avuta in UK.

La stabilità delle cifre dal 2001 al 2008 maschera anche disparità tra la spesa per i diversi gradi di istruzione. La spesa è cresciuta di oltre il 5% all’infanzia e all’Università come percentuale di PIL nel periodo suddetto. Di contro la spesa per la secondaria è diminuita leggermente.

La spesa pubblica per gradi di istruzione differisce da Paese a Paese in parte perchè è influenzata da differenze strutturali nei sistemi di istruzione, inclusa la durata di ciascun livello di istruzione; la durata dell’istruzione obbligatoria; e i tassi di frequenza nell’istruzione post obbligo. Altri fattori che hanno impatto includono i cambi demografici, che influenzano ogni grado di istruzione a turno dall’infanzia in su.

In quasi tutti i Paesi, la spesa pubblica totale dedicata all’istruzione secondaria rappresenta una percentuale maggiore del PIL della spesa per qualunque altro grado, ma la percentuale massima è del 3.2% a Cipro e Malta. In Spagna, Polonia, Slovacchia, Liechtenstein e Croazia, è sotto il 2% del PIL. La spesa pubblica per l’istruzione primaria è in genere meno del 2% del PIL, con l’eccezione di Cipro e dell’Islanda il cui picco è al 2,5%.

A livello europeo, la percentuale del PIL rappresentato dalla spesa per l’istruzione primaria ed universitaria è quasi la stessa, 1.1% e 1.2% rispettivamente. Comunque, il costo unitario per studente è molto più alto all’università che nell’istruzione primaria.

La percentuale di PIL dedicato all’istruzione universitaria varia marcatamente da Paese a Paese, andando dall’0.8% al 2.2%. Solo la Danimarca e la Norvegia superano il 2%.

Il costo annuale unitario per studente è aumentato in quasi tutti i Paesi europei tra il 2000 e il 2008.

Il costo unitario annuale per studente nella scuola pubblica era in media di 4.689 euro nel 2000 ed era di 6.288 euro nel 2008, in pratica un aumento del 34%. Comunque, se consideriamo l’evoluzione dei prezzi nel periodo 2000-8, l’aumento della spesa per studente è stato solo del 16%. In tutti i Paesi, il costo unitario per studente è aumentato: nella Repubblica Ceca, Irlanda, Malta e Slovacchia è cresciuto dell’1.5% e dell’1.7% a Cipro.

La spesa per studente cresce con il livello di istruzione

Nell’EU, il costo annuale medio per studente della secondaria è più alto di quello per uno studente della primaria. Il costo medio per studente universitario era quasi il doppio di uno studente della primaria. In Germania e a Cipro, comunque, la differenza tra i due costi è di circa 3 volte a favore dell’universitario.

In alcuni Paesi le differenze sono relativamente lievi tra i gradi di istruzione. Ciò è particolarmente vero in Italia, Lettonia, Slovenia e Islanda dove il costo unitario per l’università è paragonabile a quello della primaria.

La disparità tra i Paesi tende ad allargarsi con il livello di istruzione. Il costo di uno studente della primaria pubblica va da 2.232 euro in Bulgaria a 10.746 in Lussemburgo, mentre il costo di uno studente dell’Università pubblica va dai 3.474 euro della Lettonia ai 23.103 euro di Cipro.

Stampa

Il nuovo modello di PEI, Eurosofia avvia un nuovo percorso formativo. Primo incontro il 28 aprile