Ho paura a tornare a scuola, ma non ho sbagliato. Parla la docente aggredita da un genitore per un 4 a studente

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Ho paura di tornare a scuola, ma non indietreggio di un passo. E’ stato questo il primo commento della professoressa di inglese mal menata da parte di una mamma infastidita dal 4 ricevuto dal figlio come voto di valutazione.

L’aggressione fisica all’insegnante della scuola a Caselle di Selvazzano, nel Veneto, non le ha fatto cambiare idea sul suo operato didattico.

Con il volto tumefatto per il pugno ricevuto che le ha causato la frattura al setto nasale e un edema bilaterale esterno dovuto alla caduta all’indietro (e conseguente ricovero in ospedale) la professoressa ha dichiarato: “Negli ultimi anni è cambiato l’atteggiamento delle famiglie, ma la scuola non può sopperire allemancanze dei genitori. Siamo arrivati al punto che in alcuni casi evitiamo di ricevere le mamme o i papà da soli, ma siamo affiancati da un collega perché c’è il rischio che venga travisato quel che diciamo. Io non credo di aver sbagliato, sono una insegnante che vuole trasmettere ai suoi alunni il senso del dovere e dell’impegno per ottenere i risultati. Io dico sempre ai miei studenti che prima sono figli e poi alunni, e che le cose funzionano bene se c’è collaborazione fra scuola e famiglia”.

Fonte: Il Sussidiario.net

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione