Hiv, Sileri: profilattici gratuiti ed educazione sanitaria nelle scuole

Stampa

Il viceministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, promuove una campagna contro l’Hiv nelle scuole e fra i giovanissimi.

“Rompiamo il silenzio sull’Hiv” è la tavola su cui si discute presso il ministero della Salute. Al centro la lotta contro l’Hiv, per la quale Sileri sta lavorando per consentire il test Hiv anche ai minori ultratredicenni senza l’autorizzazione dei genitori. Lo riferisce Dire.

Ho lanciato qualche giorno fa l’idea di distribuire i profilattici gratuitamente nelle scuole superiori e nelle università, magari assieme a una brochure che illustri cos’è l’Hiv, come si trasmette, come può evolvere in Aids nonostante le terapie. È vero che le terapie possono portare ad avere una vita normale, ad avere rapporti sessuali ma ci deve essere una diagnosi, una terapia e una compliance sulla terapia stessa” ha spiegato il viceministro.

Secondo Sileri è necessario diffondere il messaggio della prevenzione anche tra i giovanissimi, attraverso l’educazione sanitaria nelle scuole, insegnando cosa sia un atto sessuale e bisogna far capire ai ragazzi “che l’utilizzo del profilattico non cambia poi così tanto l’atto sessuale e soprattutto non bisogna vergognarsi di averlo nel portafoglio o in tasca“.

 

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur