Hikikomori, un libro per capire meglio i giovani che rifiutano anche la scuola

di redazione
ipsef

item-thumbnail

I dati stimati della sindrome dell’Hikikomori per cui i ragazzi si rinchiudono in casa rifiutando anche la scuola sono stati raccolti in un libro. 

Marco Crepaldi, presidente dell’associazione Hikikomori Italia, ha messo assieme le stime disponibili e ha ricostruito l’identikit di “chi sta in disparte” (traduzione letterale del termine giapponese).

Nonostante non esistano ancora dati ufficiali, si può certo parlare di una prima indagine statistica in assoluto condotta sul fenomeno a livello nazionale, assai utile per definire meglio natura e dimensione del fenomeno.

Come scrive anche Agi.it “Si tratta di un progetto di sensibilizzazione e informazione corretta sul fenomeno che i media – ma anche i medicitendono a confondere con la depressione o con la dipendenza da Internet“.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione