Hikikomori, in Italia sono 100mila: chi sono e perché diventano tali

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Laura Calosso, giornalista d’inchiesta, ha approfondito il tema degli Hikikomori.

Chi sono

Sono definiti Hikikomori, come in Giappone, i giovani che non vanno a scuola e stanno chiusi nella loro camera, come riferisce la Calosso, al Corrierre.it

Le famiglie, nella maggior parte dei casi, non sono disagiate e tendono a non parlare di quanto accade ai figli.

Tutti gli hikikomori, afferma la Calosso, sono Neet (cioè non studiano e non lavorano), mentre la  maggioranza dei Neet non è hikikomoro, in quanto ha una normalissima vita sociale.

Quanti sono

Gli hikikomori in Italia dovrebbero ammontare a circa 100mila; hanno un’età tra i 15 e i 30 anni, con un’età media di 20 anni.

Cause possibili

Una causa potrebbe essere l’idea di perfezione che le madri proiettano sui figli unici, in Italia come in Giappone, tanto che i secondi finiscono per odiare le prime.

Versione stampabile
Argomenti:
anief banner
soloformazione