03 Agosto 2020 - Aggiornato alle 21:55

Valutazione I quadrimestre: dalle attività di potenziamento ai giudizi. Faq

Pubblichiamo una serie di Faq relative alla valutazione degli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado.

D. Da chi viene effettuata la valutazione intermedia e finale?

La valutazione avviene collegialmente da parte dei docenti contitolari di classe (scuola primaria) e del consiglio di classe (scuola secondaria di primo grado).

D. Da chi sono presiedute le operazioni di scrutinio?

R. Sono presiedute dal dirigente scolastico o da un suo delegato.

D. La valutazione è effettuata in decimi?

R. Sì. La valutazione è in decimi, ma va integrata dalla descrizione del processo formativo e del livello globale di sviluppo degli apprendimenti raggiunto.

D. Come si può articolare il giudizio?

R. Il processo formativo può essere descritto in termini di autonomia raggiunta dall’alunno e grado di responsabilità nelle scelte, mentre il livello globale degli apprendimenti potrebbe essere sinteticamente descritto rispetto al metodo di studio maturato, al livello di consapevolezza e ai progressi registrati relativamente alla situazione di partenza …

D. I docenti di potenziamento partecipano alla valutazione?

R. Sì, fornendo elementi conoscitivi sull’interesse manifestato e sul profitto conseguito da ciascun alunno. Al riguardo possono predisporre un’apposita relazione.

D. I docenti di potenziamento partecipano al consiglio di classe in sede di valutazione?

R. No, come indicato anche dal Miur-SNV nelle slides pubblicate lo scorso anno scolastico.

D. I docenti di religione cattolica o attività alternativa partecipano alla valutazione degli studenti?

R. Sì, partecipano alla valutazione ma soltanto di quegli alunni che si avvalgono dei predetti insegnamenti.

D. Come avviene la valutazione dell’insegnamento della religione cattolica e quella delle attività alternative?

R. Detta valutazione è espressa tramite una nota distinta con giudizio sintetico sull’interesse manifestato e i livelli di apprendimento conseguiti.

D. Nel caso in cui due insegnanti di sostegno seguano uno stesso alunno, come viene espressa la valutazione?

R. In tal caso la valutazione sarà congiunta, ossia espressa tramite un unico voto.

D. La valutazione delle attività svolte nell’ambito di Cittadinanza e Costituzione confluisce in quella di Storia.

R. Si.

D. Come viene espressa e a cosa si riferisce la valutazione del comportamento?

R. La valutazione del comportamento è espressa tramite un giudizio sintetico; si riferisce alla competenze di cittadinanza e, per la scuola secondaria di primo grado, allo Statuto delle studentesse e degli studenti e al Patto educativo di corresponsabilità (oltre che al regolamento di Istituto).

D. A cosa fa riferimento la valutazione degli studenti disabili? 

R. La valutazione degli studenti disabili è effettuata in riferimento al comportamento, alle discipline e al Piano Educativo individualizzato.

D.  A cosa fa riferimento la valutazione degli studenti con DSA certificati?

R. La valutazione degli studenti con Disturbi Specifici d’Apprendimento fa riferimento al Piano Didattico Personalizzato (PDP), predisposto dal consiglio di classe.

D. Per gli studenti che, in seguito alla valutazione intermedia o finale, presenza carenze in una o più discipline, sono previsti corsi di recupero?

R.  La nuova normativa prevede che le scuole attivino specifiche strategie e azioni per migliorare i livelli di apprendimento degli studenti. Saranno le scuole, nell’ambito della loro autonomia e in riferimento ai bisogni formativi degli studenti, a decidere quali azioni e strategie porre in essere.

Argomenti: