La sicurezza stradale? Comincia dall’infanzia!

di Natalia Carpanzano
ipsef

Gli incidenti stradali in Italia sono un dramma che si ripete giornalmente e rappresenta la prima causa di morte nei giovani. Ma quali sono le cause di queste tragedie come fare per evitarle sin dalla più tenera infanzia?

Gli incidenti stradali in Italia sono un dramma che si ripete giornalmente e rappresenta la prima causa di morte nei giovani. Ma quali sono le cause di queste tragedie come fare per evitarle sin dalla più tenera infanzia?

Ad esempio, bimbi che viaggiano in auto senza una cintura di sicurezza od un seggiolino regolamentare, hanno un rischio 10 volte maggiore di perire in un incidente stradale, rispetto ai bambini assicurati con la cintura.

Approfondire la sicurezza stradale con i bambini che frequentano la scuola dell’infanzia necessita pienamente della collaborazione dei genitori: in questa fase, difatti, i bambini sono fruitori della strada non autonomamente ma condotti dagli adulti che li portano a spasso a piedi, in bici, in macchina. È tuttavia importante che i bambini inizino a conoscere quali trappole la strada può riservare e come ci si può difendere conseguendo già da piccoli comportamenti sicuri.

Nell’ambito della sicurezza in strada due sono gli aspetti da approfondire con i bambini: come comportarsi quando si cammina per la strada e come comportarsi quando si viene trasportati in automobile.

Gli strumenti educativi che si possono utilizzare sono delle semplici chiacchierate stimolanti: domandate ai bambini se sanno a cosa servono i cartelli stradali, i semafori, le strisce pedonali. Fate un’indagine sull’uso del seggiolino tra gli alunni. Fate rappresentare i comportamenti scorretti da non tenere in auto e fate disegnare i comportamenti corretti: come si sta seduti in macchina, dove si colloca il seggiolino in auto, tutti si allacciano le cinture, non bisogna sporgersi dai finestrini, si scende dall’auto solo dalla parte del marciapiede.

La partecipazione dei genitori è ovviamente fondamentale: fate portare in classe un seggiolino regolamentare per il trasporto dei bambini in auto e fate provare a tutti i bambini ad allacciarsi le cinture.

Fabbricate un plastico e fate giocare con le macchinine. Poi trasformate la classe in un ipotetico tratto di strada con incroci, attraversamenti pedonali e semaforici ed invitate i bambini a disporre al posto giusto i relativi segnali, da loro stessi preparati con materiali di recupero. Costruite dei veicoli di cartone e simulate un percorso per andare da casa a scuola, al parco o altro.

Organizzate poi una breve uscita dalla scuola per stimolare l’osservazione diretta di quanto saggiato in classe, chiedendo in questa occasione la partecipazione di un vigile urbano che mostrerà ai bambini il significato delle sue posizioni quando per strada regola il traffico delle auto e dei pedoni.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione