Sicurezza in aula: come un docente può segnalare rischi al dirigente. Il modulo

di Natalia Carpanzano
ipsef

item-thumbnail

Una procedura per la segnalazione di un possibile rischio inerente la sicurezza di un edificio scolastico, ravvisato da un docente o dal personale ATA, è opportuno che venga definita e applicata in maniera certosina in tutti i plessi dell’Istituto.

Una procedura di questo genere ha lo scopo di garantire che a fronte di una non conformità rilevata in materia di sicurezza, la scuola sia in grado di attivare dei canali efficaci di comunicazione interna per una corretta gestione dei rischi emersi.

Ma cosa deve fare in pratica un docente o un collaboratore che si accorga di una possibile situazione di rischio ad esempio in un’aula o in un corridoio?

La procedura da seguire in questi casi è la seguente:

  • chiunque individui un pericolo o un guasto deve segnalarlo compilando il modulo fornito dall’Istituto Scolastico (se ne fornisce una bozza)
  • il modulo compilato deve essere trasmesso al preposto per la sicurezza del plesso o della sede, o direttamente al Dirigente Scolastico
  • il Dirigente Scolastico invierà ai soggetti di competenza le richieste di intervento
  • la realizzazione degli interventi richiesti dovrà essere verificata

Ovviamente tale procedura è applicabile se la non conformità rilevata non rappresenti un pericolo grave ed immediato, come ad esempio il distacco di calcinacci da un tetto o una fuga di gas. In questo caso il docente o il collaboratore che ravvisino il rischio elevato, devono mettere il sicurezza gli alunni ed  il personale presente (per esempio facendo evacuare coloro che sono presenti nell’area interessata) e successivamente contattare il preposto di plesso alla sicurezza che provvederà ad attivare la catena di interventi urgenti necessaria (per esempio chiamando i Vigili del Fuoco).

Scarica il modulo

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione