Scrutini scuola secondaria. Promuovere o bocciare “a maggioranza”

di Lalla
ipsef

di Paolo Pizzo – Molti docenti sono alle prese, in questa domenica di fine anno scolastico, con relazioni finali, proposte di voti da inserire nel registro elettronico, importanti decisioni da assumere sulla proposta di voto da portare al consiglio di classe per ogni alunno.

di Paolo Pizzo – Molti docenti sono alle prese, in questa domenica di fine anno scolastico, con relazioni finali, proposte di voti da inserire nel registro elettronico, importanti decisioni da assumere sulla proposta di voto da portare al consiglio di classe per ogni alunno.

Ricordiamo come avveranno, nel consiglio di classe degli scrutini, eventuali decisioni assunte a maggioranza.

  • In caso di deliberazioni da assumere a maggioranza non è ammessa l’astensione. Tutti i docenti devono votare compreso il presidente il cui voto prevale in caso di parità (art. 37/3 DLgs 297/94).
  • Il Presidente del Consiglio di classe (di solito il Dirigente) non vota due volte ma, in caso di parità, il suo voto prevale. Ciò vuol dire che in caso di parità di voti prevale la proposta a cui ha dato il voto il Presidente, senza però apportare alcuna modifica al numero dei voti assegnati a ciascuna proposta.

Seguici su Facebook, news in tempo reale

Es.: Consiglio di classe composto da 10 membri (compreso ovviamente il Presidente perché a tutti gli effetti membro del Consiglio).
Durante lo scrutinio intermedio il Consiglio deve procedere alla votazione per deliberare che sia alzato un voto ad un allievo, per es. da 5 a 6 in Matematica (o la promozione o meno se ci troviamo allo scrutinio finale).

Il risultato della votazione è di parità: 5 voti per il sì e 5 voti per il no.
Il Presidente ha votato sì, allora la decisione finale è sì prevalendo in caso di parità la scelta del Presidente (il voto passa a 6);
Il Presidente ha votato no, allora la decisione finale è no prevalendo in caso di parità la scelta del Presidente (il voto rimane 5).
Ma il risultato dei voti espressi è sempre 10 (essendo dieci il numero dei votanti) e non 11.

Hai ancora dubbi su come si svolge lo scrutinio finale? Consulta le guide di OrizzonteScuola.it

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione