Scheda di segnalazione degli infortuni: perché compilarla bene ci aiuta a prevenirne altri

di Natalia Carpanzano
ipsef

Una corretta compilazione di una scheda di segnalazione di infortunio in ambito scolastico riveste una importanza fondamentale per prevenire altri incidenti simili.

Una corretta compilazione di una scheda di segnalazione di infortunio in ambito scolastico riveste una importanza fondamentale per prevenire altri incidenti simili.

La scheda deve prevedere uno spazio in cui riportare i dati anagrafici dell’infortunato, data e ora dell’incidente e una dettagliata descrizione dell’evento occorso.

In tale esposizione, deve essere chiaramente descritta:

  • la dinamica dell’evento
  • le condizioni di rischio che hanno determinato o favorito l’evento
  • comportamento che ha determinato o favorito l’evento
  • natura e sede della lesione

La scheda deve inoltre prevedere una parte specifica per gli infortuni accaduti durante le lezioni di attività motoria, data la loro elevata frequenza, e deve prendere in considerazione:

  • il momento in cui è occorso l’infortunio e dove (durante l’accoglienza o in fase di riscaldamento, durante l’attività o nella fase di defaticamento)
  • l’abbigliamento e le calzature indossati dall’infortunato
  • sede e natura della lesione
  • comportamenti o condizioni di rischio presenti

Una ulteriore sezione è necessaria alla fase “diagnostica”, curata dal SPP, riguardante gli infortuni che potrebbero richiedere un supplemento di indagine, a cui segue l’individuazione delle soluzioni, che possono essere contemporaneamente di tipo tecnico, organizzativo e formativo, coerentemente alla natura delle cause.

È di fondamentale importanza, inoltre, rilevare cause concomitanti collegate a situazioni ambientali e comportamenti, allo scopo di incoraggiare una prima valutazione da parte di chi segnala l’evento. Un ampio coinvolgimento nella segnalazione implica una responsabilizzazione che non potrà che avere una ricaduta positiva in termini di efficacia preventiva.

Tutto sulla sicurezza

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione