Qual è la temperatura ottimale per gli ambienti scolastici?

di Natalia Carpanzano
ipsef

I locali degli edifici scolastici (aule/uffici/palestre) spesso non presentano temperature e umidità ottimali: sono troppo caldi o troppo freddi, e sovente male aerati.

I locali degli edifici scolastici (aule/uffici/palestre) spesso non presentano temperature e umidità ottimali: sono troppo caldi o troppo freddi, e sovente male aerati.

Spesso inoltre, nello stesso edificio, troviamo temperature diverse tra un ambiente e l’altro, a causa ad esempio della presenza di grandi superfici vetrate, e bruschi cambiamenti di temperatura passando da un’aula all’altra e lungo corridoi e scale.

Altre problematiche sono collegate allo stop delle caldaie il fine settimana, alla carente manutenzione degli infissi o dell’impianto di riscaldamento, all’impossibilità di gestire la temperatura nelle singole aule in modo autonomo (oltre al sovraffollamento delle stesse).
Poiché, infatti, non sempre è rispettato il corretto rapporto tra cubatura e numero di studenti, le condizioni qualitative dell’aria degenerano con il passare delle ore e i locali si surriscaldano, determinando spesso l’abitudine di aprire le finestre durante l’intervallo (causando drastici sbalzi di temperatura).

Come stabilito dal D.Lgs. 81/08 e ss.mm.ii, per i mesi estivi la temperatura dell’aria consigliata va da 24 a 27 °C e per i mesi invernali la temperatura varia da 18 a 22 °C (con lo scarto di 1 °C in entrambi i casi).

L’umidità relativa può attestarsi tra il 45 e il 70%. Per evitare sbalzi termici eccessivi e dannosi alla salute degli studenti e del personale scolastico, la differenza tra la temperatura interna e quella esterna, non dovrebbe essere maggiore di 7 °C.

Il coinvolgimento degli studenti nella gestione delle risorse energetiche dell’istituto (es. procedura di apertura ogni ora delle finestre e chiusura dei termosifoni se l’ambiente è surriscaldato), è di fondamentale importanza e rappresenta un impegno nell’ambito dell’educazione alla cittadinanza.

Tutto sulla sicurezza

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
voglioinsegnare