Ore eccedenti per la sostituzione colleghi assenti: retribuite dalla scuola con fondo specifico, in attesa del docente dalle graduatorie

di Lalla
ipsef

Lalla – Le ore di supplenza svolte in eccedenza all’orario settimanale di servizio devono essere retribuite con un apposito fondo. Si tratta di supplenze da svolgere per il tempo strettamente necessario al reclutamento del docente supplente.

Lalla – Le ore di supplenza svolte in eccedenza all’orario settimanale di servizio devono essere retribuite con un apposito fondo. Si tratta di supplenze da svolgere per il tempo strettamente necessario al reclutamento del docente supplente.

Il dm 131/07 (Regolamento delle supplenze) afferma all’art. 7 comma 3

"Fatta salva la possibilità per i docenti in servizio di prestare ore eccedenti all’orario d’obbligo fino ad un massimo di 24 ore settimanali, per la sostituzione dei docenti temporaneamente assenti, il dirigente scolastico provvede al conferimento delle relative supplenze esclusivamente per il periodo di effettiva permanenza delle esigenze di servizio e la relativa retribuzione spetta limitatamente alla durata effettiva delle supplenze medesime, secondo quanto disposto dall’articolo 4, comma 10 della legge e, comunque, nei limiti previsti dalle disposizioni vigenti alla data della stipula del contratto. "

Dunque, per la sostituzione di colleghi temporaneamente assenti, per il tempo strettamente necessario alla nomina del docente supplente, è possibile svolgere ore eccedenti di servizio, fino ad un max di 24 ore settimanali.

Lo Snals Cuneo pubblica una nota in cui raccomanda sopratttutto il monitoraggio delle ore effettuate in rapporto al fondo disponibile, in modo da evitare la spiacevole situazione di docenti che effettuano supplenze che non potranno poi essere retribuite per mancanza di fondi.

La retribuzione

Non è molto alta, circa 20 euro lorde orarie.

Scuola dell’infanzia 1/90 retr.iniziale 18.03 euro
Scuola primaria 1/87 retr. iniziale 18,65 euro
Scuola secondaria (laureati) (inclusa I.I.S) 1/65 retr.iniziale 27.09 euro

 

Ciò che va ricordato è che poichè il fondo è sempre esiguo, non bisogna esagerare. D’altronde il ricorso alle ore aggiuntive per la sostituzione dei colleghi assenti deve avere natura emergenziale, dato che ormai il Ministero ha autorizzato i Dirigenti Scolastici a sostituire con supplenti nominati dalle Graduatorie anche per un giorno di assenza.

Si ricordi a tal proposito la normativa

"nota del M.I.U.R. – Dipartimento per l’Istruzione – Direzione Generale per il personale scolastico – prot. n. AOOGGPER 14991 del 6 ottobre 2009 che all’ultimo capoverso stabiliva che: “ … … … in tutti i casi in cui le suddette soluzioni normative non si rivelano idonee a sopperire alla sostituzione dei docenti assenti, al fine primario di non incorrere in una sospensione della didattica nei riguardi degli allievi interessati, i dirigenti scolastici possono provvedere, per periodi di assenza anche inferiori a 15 giorni, alla nomina di personale supplente temporaneo. ”;

nota del M.I.U.R. – Dipartimento per l’Istruzione – Direzione Generale per il personale scolastico – prot. n. AOOGGPER 9839 del 8 novembre 2010, che richiama ed amplia le disposizioni della precedente nota del 6 ottobre 2009 ed inoltre al terzo capoverso sancisce che: “ Ciò premesso, si ricorda che l’istituto delle ore eccedenti, considerato l’ammontare limitato delle risorse disponibili, annualmente definito e di celere esaurimento, ha natura emergenziale ed ha come finalità lo specifico obiettivo di consentire la sostituzione immediata e limitata nel tempo del docente assente, in attesa della nomina del supplente temporaneo avente diritto. ”.

Tali ore non vanno confuse con le ore aggiuntive di insegnamento su spezzoni pari o inferiori a 6 ore che non costituiscono posti orario, per i quali si fa invece riferimento ad un’altra normativa.

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione