Neo immessi in ruolo: riposi per allattamento distribuzione ore e 180 giorni

di Paolo Pizzo
ipsef

Riposi per allattamento della docente neo immessa in ruolo: la riduzione oraria è utile ai fini dell’anno di prova? Come si distribuiscono le ore. Normativa e chiarimenti per i Dirigenti Scolastici

Riposi per allattamento della docente neo immessa in ruolo: la riduzione oraria è utile ai fini dell’anno di prova? Come si distribuiscono le ore. Normativa e chiarimenti per i Dirigenti Scolastici

NORMATIVA

Ai sensi degli artt. 39-41 del decreto lgs 151/01 Il datore di lavoro deve consentire alle lavoratrici madri, durante il primo anno di vita del bambino, due periodi di riposo, anche cumulabili durante la giornata. Il riposo e’ uno solo quando l’orario giornaliero di lavoro è inferiore a sei ore. I periodi di riposo di cui al comma 1 hanno la durata di un’ora ciascuno e sono considerati ore lavorative agli effetti della durata e della retribuzione del lavoro. Essi comportano il diritto della donna ad uscire dall’azienda. I periodi di riposo sono di mezz’ora ciascuno quando la lavoratrice fruisca dell’asilo nido o di altra struttura idonea, istituiti dal datore di lavoro nell’unita’ produttiva o nelle immediate vicinanze di essa.

I periodi di riposo di cui all’art. 39 sono riconosciuti al padre lavoratore:

a) nel caso in cui i figli siano affidati al solo padre;
b) in alternativa alla madre lavoratrice dipendente che non se ne avvalga;
c) nel caso in cui la madre non sia lavoratrice dipendente;
d) in caso di morte o di grave infermità della madre.

In caso di parto plurimo, i periodi di riposo sono raddoppiati e le ore aggiuntive possono essere utilizzate anche dal padre.

Ai sensi della circolare della Funzione Pubblica n. 14/2000 i permessi sono computati ai fini dell’anzianità di servizio e non riducono le ferie.

Ai sensi dell’art. 80/5 del Contratto Scuola “I ratei della tredicesima non spettano per i periodi trascorsi in aspettativa per motivi personali o di famiglia o in altra condizione che comporti la sospensione o la privazione del trattamento economico e non sono dovuti al personale cessato dal servizio per motivi disciplinari”.

Pertanto, i riposi giornalieri sono retribuiti per intero e sono utili ai fini dell’anzianità di servizio e delle ferie e della tredicesima mensilità. Trattandosi di permessi retribuiti, la fruizione degli stessi non ha alcuna incidenza sull’obbligo di versamento contributivo.

Segui su Facebook le news della scuola e partecipa alle conversazioni. Siamo in 133mila

DISTRIBUZIONE DEI RIPOSI NELL’ARCO DELLA SETTIMANA

Per quello che concerne la riduzione dell’orario di lavoro non si tratta di una riduzione automatica, cioè 1 ora (o 2 ore) al giorno per 6 giorni, in considerazione della settimana di calendario, MA OBBLIGATORIAMENTE, DEVE ESSERE ESCLUSO IL GIORNO LIBERO O I GIORNI IN CUI IL DIPENDENTE DELLA SCUOLA NON È IN SERVIZIO.

Es.

Per il personale docente di I e di II grado, che di norma svolge l’orario intero su 5 giorni (con un giorno “libero” settimanale”), la riduzione di orario deve essere calcolata senza considerare il giorno libero (quindi su 5 e non 6 gg. nella settimana): per 18 ore di lezione a settimana la riduzione sarà quindi di 5 ore (e non 6). Lo stesso discorso vale per qualsiasi docente (di qualunque ordine di scuola) che svolge l’orario settimanale su 5 giorni, nel caso in cui, per esempio, la scuola adotti la c.d. settimana corta.

Il permesso è dunque subordinato ESCLUSIVAMENTE ALL’ORARIO DI LAVORO GIORNALIERO contrattualmente stabilito e non settimanale e le ore di riposo devono essere così ripartite:

Se la giornata di lavoro è pari o superiore a 6 ore il riposo sarà di 2 ore (anche cumulabili);
Se la giornata di lavoro è inferiore a 6 ore il riposo è di 1 ora.

Nel caso in cui il docente, pur prestando in media servizio per meno di 6 ore al giorno, di fatto in alcuni giorni presti servizio per 6 ore o più (es. consigli di classe, collegio docenti o altra attività inerente le attività funzionali all’insegnamento che si “cumula” all’orario di lavoro per quella determinata giornata), per tale giorno avrà diritto a 2 ore di riposo.

Nota bene

Di norma non è possibile cumulare più ore di riduzione nello stesso giorno, cioè svolgere le 13 ore (sempre nel caso facessimo riferimento ad una riduzione su orario intero cioè di 18 ore nella scuola secondaria) in 3 o 4 giorni, perché appunto la legge parla espressamente di riduzione sull’orario giornaliero e non settimanale. Di conseguenza, la riduzione deve essere su 5 giorni se tali sono quelli lavorativi.

Ci possono però essere dei casi in cui le esigenze didattiche (es. il numero della classi in cui insegna il docente) o più semplicemente l’adattamento dell’orario non lo consentano. In questo caso si potrebbe anche applicare una proporzione: se con 18 ore settimanali la distribuzione è su almeno 5 giorni (art. 28/5 del contratto scuola), con 13 ore settimanali la distribuzione dovrebbe essere almeno su 4 giorni (13 x 5:18=3,6).

L’importante è che comunque si salvaguardi l’unicità d’insegnamento come affermato dal Ministero (Telex n. 278/1985).

Dobbiamo infatti dire che per il comparto Scuola (soprattutto per la scuola primaria e secondaria) non può esistere una “rigida” distribuzione delle ore al supplente o prevedere per forza le ore a disposizione del titolare o altre soluzioni date “certe”. Dipende infatti dall’articolazione dell’orario degli insegnanti e soprattutto dal fatto che è necessario mantenere l’unicità d’insegnamento.

Non a caso la Circolare Ministeriale 1 dicembre 1980 n. prot. 2210 prevedeva l’autorizzazione ai riposi con l’accortezza che non “dia luogo ad eventuali fenomeni di <<frantumazione delle cattedre>>, che, qualora si verificassero, contrasterebbero fortemente con ogni considerazione di opportunità funzionale e di efficienza didattica”.
Pertanto, sarà il dirigente scolastico che dovrà adottare insieme al dipendente richiedente i permessi le soluzioni migliori nel rispetto della normativa salvaguardando anche il diritto allo studio degli allievi.

RIPOSI E ANNO DI PROVA (SERVIZIO PER ALMENO 180 GG.)

Ai sensi dell’art. 438 del Decreto Legislativo 297/94 “La prova ha la durata di un anno scolastico. A tal fine il servizio effettivamente prestato deve essere non inferiore a 180 giorni nell’anno scolastico.

Negli istituti e scuole di istruzione secondaria od artistica il periodo di prova del personale docente È VALIDO ANCHE SE PRESTATO PER UN ORARIO INFERIORE A QUELLO DI CATTEDRA”.

Pertanto, anche se non è proprio specificato che possa riguardare il caso di una riduzione di orario per allattamento è comunque previsto che il periodo di prova rimane valido anche se prestato per meno di 18 ore.

Dal momento che l’art. in questione riguarda solo le scuole secondarie potrebbe rimanere il dubbio se la riduzione oraria per allattamento sia valida ai fini dell’anno di prova anche nella scuola dell’Infanzia e Primaria.

C’è da dire che anche in questi ordini di scuola durante la fruizione dei riposi e la relativa riduzione delle ore i docenti sono comunque impegnati in effettiva attività di insegnamento, pertanto non c’è dubbio che i riposi giornalieri sono utili sia al raggiungimento dei 180 gg., sia all’acquisizione di elementi utili e necessari per esprimere una valutazione sull’attività svolta ai fini della prova.

Ricordiamo inoltre che per il raggiungimento dei 180 gg. non contano le ore giornaliere o settimanali ma i giorni di effettiva presenza a scuola.

È utile altresì ricordare che le ore dei riposi giornalieri sono considerate ore lavorative a tutti gli effetti.

In conclusione, i riposi sono validi a tutti gli effetti e di conseguenza anche ai fini dell’anno di prova e di formazione in TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA.

Leggi anche Anno di prova neo immessi in ruolo: i 180 giorni e la formazione. La guida

Tutto sui NeoImmessi in ruolo

Versione stampabile
Argomenti:
anief
soloformazione