Modalità di Convocazione supplenze ATA III Fascia, tramite sistema “Vivifacile”

di redazione
ipsef

di Giovanni Calandrino – Ecco una veloce guida sulle modalità di convocazione del personale supplente per i profili professionali di Assistente Amministrativo – Tecnico e Ausiliario. Il nuovo sistema “Vivifacile” e la tempistica di presa di servizio.

di Giovanni Calandrino – Ecco una veloce guida sulle modalità di convocazione del personale supplente per i profili professionali di Assistente Amministrativo – Tecnico e Ausiliario. Il nuovo sistema “Vivifacile” e la tempistica di presa di servizio.

A partire dall’anno scolastico 2011/2012 per le chiamate dei supplenti è stato attivato un nuovo sistema di gestione delle convocazioni, il cosiddetto “Vivifacile”. La scuola che rileva l’esigenza di coprire un posto che si è reso disponibile per assenza del titolare accede alle funzioni di convocazione.

Se la fascia prioritaria è esaurita, o non ancora compilata, convocherà dalle graduatorie d’istituto di prima, seconda o terza fascia. Selezionando l’aspirante, o più di uno se si teme una rinuncia, la scuola invierà una e-mail contenente le informazioni sulla natura del posto e se la convocazione è multipla, la lista di aspiranti convocati.

La normativa che interessa la procedura di convocazione delle supplenze temporanee da Graduatorie di circolo e d’istituto di III fascia ATA è il decreto ministeriale n. 104 del 10/11/2011.

Le fasi propedeutiche per la nomina del candidato sono due:

  1. Procedura informatica di presa visione della disponibilità degli aspiranti;
  2. Convocazione degli aspiranti.

L’art. 10 del D.M. ribadisce che: Le scuole debbono obbligatoriamente utilizzare la procedura informatica di consultazione delle proprie graduatorie che rende possibile la prospettazione della situazione di occupazione totale o parziale ovvero di inoccupazione degli aspiranti e, conseguentemente, di procedere all’interpello e convocazione dei soli aspiranti che siano nella condizione di accettare la supplenza stessa e cioè:

  1. se totalmente inoccupati;
  2. se parzialmente occupati, ai sensi delle disposizioni relative al completamento d’orario di cui all’art. 4 del Regolamento;
  3. anche se occupati, se ricorra la situazione di cui all’art. 7, comma 2, del Regolamento.

Questa prima fase è molto importante al fine di verificare la situazione occupazionale degli aspiranti, le scuole, infatti, devono consultare le proprie graduatorie d’istituto in modalità on-line che risultano sempre aggiornate sulle posizioni contrattuali degli aspiranti candidati.

La seconda fase prevede la convocazione degli aspiranti. L’art. 11 dice in merito che: Le scuole, previo ricorso alla procedura di cui al precedente art.10, interpellano gli aspiranti a supplenze e ne riscontrano la disponibilità o meno ad accettare la proposta di assunzione mediante l’utilizzo della piattaforma “Vivifacile” che prevede, per la convocazione multipla o singola dei supplenti, i seguenti passi:

  • messaggio sms via cellulare, finalizzato ad informare l’aspirante in merito alla convocazione, che rinvia al messaggio di cui alla lettera b);
  • messaggio di posta elettronica con tutte le informazioni riguardanti la supplenza offerta. Tale messaggio con avviso di ricezione è effettuato con la posta elettronica certificata (PEC) o in assenza di questa con la posta elettronica tradizionale istituzionale o privata (PEL).

Si ricorda che l’utilizzo della procedura “Vivifacile” è previsto per la convocazione di ogni tipologia di supplenza tenendo comunque conto che, per le supplenze pari o superiori a 30 giorni, la proposta di assunzione deve essere trasmessa con un preavviso di almeno 24 ore rispetto al termine utile per la risposta e con ulteriore termine di almeno 24 ore per la presa di servizio.

Se per qualunque motivo l’utilizzazione della piattaforma possa risultare non praticabile le scuole provvederanno alle convocazioni utilizzando le precedenti procedure (fonogramma/telegramma).

Nel caso di comunicazione multipla diretta a più aspiranti tale comunicazione deve inoltre contenere:

  • L’ordine di graduatoria in cui ciascuno si colloca rispetto agli altri contestualmente convocati;
  • La data in cui sarà assegnata la supplenza di modo che trascorse 24 ore da tale termine tutti gli aspiranti che avevano riscontrato positivamente l’offerta e non siano risultati assegnatari della supplenza possano considerarsi sciolti da ogni vincolo di accettazione.

La comunicazione di convocazione deve contenere:

  • La data di inizio supplenza, la durata, l’orario settimanale di servizio;
  • Il giorno e l’ora entro la quale il candidato deve presentarsi o pervenire riscontro;
  • Tutti i contatti utili per interpellare la scuola.

Il nostro Forum dedicato al mondo ATA

Seguici anche su FaceBook. Lo fanno già in 101mila

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione