Istituti Professionali. Dal 2018/19 i nuovi percorsi per i Servizi Commerciali

di redazione
ipsef

item-thumbnail

Sandra Messina Presidente della Rete Nazionale IPSE COM – I nuovi Istituti Professionali per i Servizi Commerciali nati dalla revisione dei profili prevista dalla L.107, pur mantenendo la durata quinquennale e standard formativi in grado di permettere ai diplomati di inserirsi immediatamente nel tessuto produttivo territoriale ma anche di proseguire gli studi con la formazione post diploma o universitaria, dal prossimo anno scolastico proporranno percorsi specifici.

Si tratta ad esempio di : “Servizi Commerciali per le Community Online”, “Servizi commerciali per l’Import/Export”, “Servizi Commerciali per Amministratori di Condominio”, “Design per la comunicazione pubblicitaria”, con i quali ogni Istituto potrà arricchire la propria offerta formativa, tenendo conto delle richieste e delle opportunità del proprio territorio.

“Servizi commerciali per la logistica e Import/Export”
è un percorso di studi che che mira all’acquisizione delle competenze relative alle attività gestionali che governano nell’azienda i flussi di materiali e delle relative informazioni, dalle origini presso i fornitori fino alla consegna dei prodotti finiti ai clienti e al servizio post-vendita, grazie alla conoscenza di due lingue straniere.

“Servizi Commerciali per le Community Online”
è un percorso di studi che mira all’acquisizione di competenze essenziali per la gestione della community online dell’azienda: monitora la «Brand reputation» sui principali social network, studia le strategie per generare traffico, oltre che esercitare una forte e costante attività di blogger con gli utenti interessati.

“Servizi Commerciali per Amministratori di Condominio”
è un percorso specialistico che permette di conseguire competenze specifiche che vanno da quelle di natura legale a quelle tecnico contabili e fiscali, senza dimenticare le capacità di risoluzione dei conflitti e di gestione di processi complessi.

“Servizi Commerciali Design per la comunicazione pubblicitaria” è un percorso specialistico con l’obiettivo di conseguire competenze specifiche nell’ambito della comunicazione pubblicitaria con particolare riguardo all’aspetto della progettazione visiva e ai new media.

La diversificazione dei percorsi, intesa come specializzazione dei corsi esistenti, è contemplata dalla precedente normativa ma è ulteriormente potenziata dalla revisione degli Istituti Professionali (D.lgs. 61/17) che entrerà in vigore il prossimo anno scolastico 2018/2019.

L’individuazione dei nuovi percorsi formativi si è resa possibile grazie al lavoro che svolge la Rete IPSE COM, una Rete Nazionale degli Istituti Professionali ad indirizzo “Servizi Commerciali”.

La Rete, presieduta dalla Dirigente Sandra Messina dell’Istituto Besta di Treviso, è costituita da 80 scuole italiane e reti di scuole regionali in Veneto, Lombardia, Piemonte, Lazio, Toscana, Liguria, Marche ed altre in fase di costituzione che, oltre a collaborare con il MIUR e altri enti e associazioni professionali, a promuovere la condivisione di risorse e best practices, si propone di individuare ulteriori percorsi specialistici per permettere agli istituti professionali statali dei servizi commerciali di accompagnare l’innovazione che caratterizza le imprese.

L’obiettivo è quello di progettare e realizzare i percorsi formativi come laboratori di ricerca e sperimentazione in collaborazione con enti professionali e associazioni di categoria che garantiscano la specifica formazione dello studente e che ne attestino la competenza.

La revisione del profilo culturale e professionale del diplomato dell’indirizzo “Servizi Commerciali”, dunque, spinge a rinnovare il modello didattico, ora sempre più improntato sulla personalizzazione educativa degli studenti.

Infine, aumentando la flessibilità e l’autonomia delle scuole, permette di adattare i percorsi alle richieste specifiche del tessuto socio-economico locale, puntando alle professioni “strategiche” ed emergenti.

Riforma istituti professionali: quali percorsi previsti? Struttura e organizzazione

GLI ORARI

Riforma istituti professionali: 1.056 ore, quali criteri per la definizione dell’orario complessivo?

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare