Evacuazione simulata degli alunni: ci sono delle regole generali?

di Natalia Carpanzano
ipsef

Non esistono regole ferree e predeterminate per la simulazione di una prova di evacuazione in caso si terremoto in un Istituto Scolastico, essendo le stesse dipendenti dalla tipologia di edificio considerato, dall’età degli alunni, etc.

Non esistono regole ferree e predeterminate per la simulazione di una prova di evacuazione in caso si terremoto in un Istituto Scolastico, essendo le stesse dipendenti dalla tipologia di edificio considerato, dall’età degli alunni, etc.

Di certo, però, si possono dare alcune indicazioni di carattere generale che è bene seguire per chi voglia simulare un evento sismico ed il conseguente abbandono dell’edificio con i propri alunni.

L’inizio di una qualsiasi simulazione di un evento sismico è contraddistinto dal suono intermittente (ad intervalli brevi) della campanella (preallarme). Durante questo segnale gli alunni si dispongono sotto ai banchi con il capo fra le braccia, o sotto l’architrave della porta, in attesa del segnale di evacuazione.

Nel caso in cui gli alunni si trovino in bagno o nel corridoio, devono cercare riparo nei locali in cui si trovano e non cercare di rientrare in classe! Al segnale di evacuazione occorre che si accodino alla prima classe che incontrano lungo il percorso di esodo, segnalando all’insegnante di tale classe la propria presenza

Al termine del segnale di preallarme ci saranno alcuni secondi di pausa.

Successivamente vi sarà la diffusione del segnale di evacuazione, che è dato dal suono continuo della campanella stessa (o della sirena) per circa 10/15 secondi.

Al segnale di evacuazione, ogni classe esce seguendo le vie di fuga indicate

Ci si deve dirigere verso l’uscita con passo spedito, senza correre, seguendo in modo ordinato la fila.

L’insegnante della prima classe che raggiunge l’uscita ha il compito di verificare che non vi siano all’esterno impedimenti all’abbandono dell’edificio

Giunti all’esterno, continuare ad allontanarsi mantenendo la calma, verso il punto di raccolta previsto.

Giunti al punto di raccolta, riunirsi per classe, fare l’appello e compilare l’apposito modulo.

Il coordinatore dell’emergenza del plesso raccoglierà i moduli dai vari insegnanti, verificando la presenza di tutti ed il corretto svolgimento della prova di evacuazione.

Tutto sulla sicurezza

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione