Esami di Stato II grado 2013/14: i documenti che la scuola deve mettere a disposizione della Commissione

di Lalla
ipsef

red – Segreterie e presidenze sono impegnate in questi giorni per la predisposizione dei documenti necessari alla Commissione degli Esami di Stato II grado per l’insediamento. Quali documenti devono essere pronti la mattina dell’insediamento della commissione? Vediamoli assieme in una breve guida.

red – Segreterie e presidenze sono impegnate in questi giorni per la predisposizione dei documenti necessari alla Commissione degli Esami di Stato II grado per l’insediamento. Quali documenti devono essere pronti la mattina dell’insediamento della commissione? Vediamoli assieme in una breve guida.

Seguici anche su Facebook

Ecco i documenti necessari

a) elenco dei candidati;

b) domande di ammissione agli esami dei candidati esterni e di quelli interni che chiedono di usufruire della abbreviazione di cui all’articolo 2, comma 2, con allegati i documenti da cui sia possibile rilevare tutti gli elementi utili ai fini dello svolgimento dell’esame;

c) certificazioni relative ai crediti formativi;

d) copia dei verbali delle operazioni di cui all’articolo 8, relative all’attribuzione e motivazione del credito scolastico;

e) per gli allievi che chiedono di usufruire dell’abbreviazione del corso di studi per merito, attestazioni concernenti gli esiti degli scrutini finali della penultima classe e dei due anni antecedenti la penultima, recanti i voti assegnati alle singole discipline, nonché attestazione in cui si indichi l’assenza di ripetenze nei due anni predetti, e l’indicazione del credito scolastico attribuito;

f) per i candidati esterni, l’esito dell’esame preliminare e l’indicazione del credito scolastico attribuito;

g) documento finale del consiglio di classe di cui all’articolo 6, compresa la documentazione consegnata dall’istituzione formativa che ha erogato il corso per i candidati ammessi agli esami di Stato nella Regione Lombardia, di cui all’articolo 2, comma 1, lettera e);

h) documentazione relativa ai candidati con disabilità ai fini degli adempimenti di cui all’articolo 17;

i) eventuale documentazione relativa ai candidati con disturbi specifici di apprendimento (DSA) o con Bisogni Educativi Speciali (BES);

j) per le classi sperimentali, relazione informativa sulle attività svolte con riferimento ai singoli indirizzi di studio ed il relativo progetto di sperimentazione.

N.B. Il Presidente della commissione, qualora, in sede di esame della documentazione relativa a ciascun candidato, rilevi irregolarità insanabili, provvede a darne tempestiva comunicazione al Ministero cui compete, ai sensi dell’articolo 95 del regio decreto 4 maggio 1925, n. 653, l’adozione dei relativi provvedimenti. In tal caso i candidati sostengono le prove d’esame con riserva.

Il Presidente della commissione, qualora, in sede di esame della documentazione relativa a ciascun candidato, rilevi irregolarità sanabili da parte dell’istituto sede d’esami, invita il dirigente scolastico a provvedere tempestivamente in merito, eventualmente tramite convocazione dei consigli di classe. Il Presidente della commissione, qualora in sede di esame della documentazione relativa a ciascun candidato, rilevi irregolarità sanabili da parte del candidato medesimo, lo invita a regolarizzare detta documentazione, fissando contestualmente il termine di adempimento.

Esami di stato superiori. Normativa, guide, risorse didattiche

Versione stampabile
anief anief
voglioinsegnare