Certificazioni da acquisire per la somministrazione dei farmaci a scuola

di Natalia Carpanzano
ipsef

Nei casi in cui sia necessario somministrare farmaci agli alunni, occorre definire bene in quali circostanze lo si debba fare e fornire istruzioni dettagliate.

Nei casi in cui sia necessario somministrare farmaci agli alunni, occorre definire bene in quali circostanze lo si debba fare e fornire istruzioni dettagliate.

Di tale “prestazione” possono usufruire:

  • gli allievi con malattia cronica, ovvero con una patologia che non guarisce e che richiede terapia di mantenimento (ad esempio asma o diabete). In questo caso i farmaci devono essere assunti con orari e posologia costanti.
  • Gli allievi che soffrono di patologie che possono comportare urgenze prevedibili (ad esempio shock anafilattico o convulsioni), con manifestazioni simili a quelle previste e descritte dal medico. In questi casi i farmaci devono essere somministrati con la modalità e la posologia prescritte.

Nel caso che l’episodio di malessere non presenti i sintomi descritti dal medico o affligga un allievo per il quale non è stata avanzata alcuna richiesta da parte dei genitori, la gestione spetterà all’addetto al primo soccorso e non dovrà essere somministrato alcun farmaco.

Le certificazioni da acquisire per la somministrazione di farmaci ad allievi sono le seguenti:

  • Richiesta scritta dei genitori, motivata con le caratteristiche della malattia, in cui si permette al personale individuato dalla scuola a somministrare la medicina al figlio, con la modalità e il dosaggio indicati dal medico
  • Prescrizione medica intestata all’alunno indicante: il nome del farmaco, la modalità di somministrazione e l’esatta posologia, oltre che l’orario esatto di somministrazione
  • Istruzioni del medico curante sulla posologia e modalità di somministrazione del farmaco in caso della comparsa di episodi acuti
Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione