Certificazione competenze primaria, secondaria: DSA, disabili, privatisti. Cosa prevede sezione INVALSI? Cosa consegnare famiglie?

di Nino Sabella
ipsef

item-thumbnail

Le Linee Guida per la certificazione delle competenze nel primo ciclo di istruzione forniscono indicazioni in merito alle modalità e agli strumenti di valutazione delle medesime, alla composizione e compilazione del modello nazionale di certificazione e ai livelli di competenza conseguibili dagli studenti.

Abbiamo già parlato delle modalità e degli strumenti di valutazione e della struttura del modello in:

Certificazione competenze elementare e media: struttura modello, livelli e competenze chiave europee e del profilo dello student

Certificazione competenze primo ciclo, modalità e strumenti di valutazione

Vediamo adesso come e quando va compilata e consegnata la certificazione, cos’è previsto in merito agli alunni disabili e ai candidati privatisti, la sezione riservata alla Prova Invalsi e la documentazione che sarà consegnata alle famiglie al termine dell’Esame conclusivo del primo ciclo di istruzione.

QUANDO VA RILASCIATA LA CERTIFICAZIONE

La certificazione delle competenze è rilasciata al termine della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado.

COMPILAZIONE E CONSEGNA CERTIFICAZIONE

Scuola primaria

Il documento di certificazione è compilato dai docenti di classe al termine dello scrutinio finale della classe quinta ed è firmato dal dirigente scolastico.

Il documento va consegnato al termine dello scrutinio.

Scuola secondaria di primo grado

Il documento di certificazione è compilato dal consiglio di classe al termine dello scrutinio finale della classe terza, soltanto per gli alunni ammessi all’esame di Stato, ed è sottoscritta dal dirigente scolastico.

La certificazione è consegnata alle famiglie dei soli alunni che abbiano superato l’Esame.

ALUNNI DISABILI

Il DM n. 742/2017 prevede che: “Per le alunne e gli alunni con disabilità, certificata ai sensi della legge n.104/l992, il modello nazionale può essere accompagnato, ove necessario, da una nota esplicativa che rapporti il significato degli enunciati di competenza agli obiettivi specifici del piano educativo individualizzato.

Il modello, dunque, laddove necessario, è accompagnato da una nota da cui si evinca il rapporto tra gli enunciati di competenza del modello medesimo e gli obiettivi del PEI. Al tal fine, ad esempio, è possibile allegare dei descrittori ( rubriche, griglie …) tali da declinare la padronanza delle competenze chiave (descritte dalle dimensioni del Profilo), in coerenza con il PEI, nei quattro livelli previsti dalla certificazione.

ALUNNI DSA

Gli alunni con DSA possono essere dispensati dalle prove scritte di lingua straniera o esonerati dall’insegnamento delle medesime.

Nel documento di certificazione, in caso di alunni  dispensati dalle prove scritte in lingua straniera, si fa riferimento alla sola dimensione orale di tali discipline.

In caso di esonero dall’insegnamento della lingua straniera, ai sensi del decreto ministeriale 12 luglio 2011, la sezione relativa alle lingue non viene compilata.

Il consiglio di classe, nei casi sopra descritti, integra in sede di scrutinio finale, la certificazione delle competenze rilasciata dalla scuola con puntuali elementi di informazione.

CANDIDATI PRIVATISTI

La certificazione delle competenze non è rilasciata ai candidati che partecipano all’esame di Stato conclusivo del primo ciclo di istruzione in qualità di privatisti, in quanto la stessa è definita in sede di scrutinio finale.

SEZIONE INVALSI

Una sezione del documento di certificazione è riservata alla Prova Invalsi.

La sezione indica in forma descrittiva il livello raggiunto nelle prove a carattere nazionale, distintamente per ciascuna disciplina oggetto della rilevazione, ossia Italiano, Matematica e Inglese.

La sezione dedicata alle prove nazionali è predisposta e redatta dall’Invalsi.

Gli alunni dispensati da una o più prove (DSA o DVA) o che sostengono una o più prove differenziate in forma cartacea, secondo quanto previsto dal consiglio di classe, non ricevono la relativa certificazione delle competenze da parte dell’Istituto di Valutazione (vedi nota Miur n. 2936 del 20/02/2018).

DOCUMENTAZIONE CONSEGNATA ALLA FAMIGLIA AL TERMINE DELL’ESAME

Al termine dell’Esame, alla famiglie sarà consegnata la seguente documentazione:

1. l’attestato di superamento dell’esame sostitutivo del diploma;

2. la certificazione delle competenze redatta dal Consiglio di Classe e sottoscritta dal Dirigente Scolastico;

3. la sezione predisposta e sottoscritta da INVALSI che attesta, mediante descrittori, il livello conseguito dagli allievi nelle prove nazionali di italiano, matematica;

4. la sezione predisposta e sottoscritta da INVALSI che certifica i livelli di comprensione ed Uuso della lingua inglese nella prova nazionale.

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Decreto legislativo n. 62/2017, DM 742 2017, nota Miur 1865/2017.

Versione stampabile
Argomenti:
anief anief
soloformazione