Guerra in Israele, Valditara: “Se è vero che alcuni studenti hanno gioito per le azioni di Hamas, devono essere perseguiti dalle leggi penali per odio razziale”

WhatsApp
Telegram

Il recente scambio di attacchi tra Israele e la cellula terroristica di Hamas ha portato a una situazione di crisi che sta attirando l’attenzione globale. La situazione attuale è drammatica con un bilancio di oltre 800 morti israeliani e 500 vittime palestinesi, con migliaia di feriti da entrambe le parti.

Studenti inneggiano Hamas, la reazione del ministro

Parallelamente, la situazione ha suscitato reazioni anche in Italia, dove il ministro dell’Istruzione e del Merito, Giuseppe Valditara, ha annunciato ispezioni in alcune scuole a seguito di presunte celebrazioni dell’attacco di Hamas. Valditara ha enfatizzato la gravità dell’odio razziale, promettendo azioni legali nei confronti di coloro che propagano tale odio.

Due associazioni giovanili milanesi, secondo quanto riportano i media, avrebbero appoggiato sui social gli attacchi, arrivando a esultare per i massacri di civili. “Non è plausibile che alcuni sindacati o partiti li difendano”, ha aggiunto Valditara, riferendosi ai Collettivi milanesi e alle presunte frasi che avrebbero pronunciato.

Il comunicato stampa del Ministero

Ispezioni in alcune scuole per verificare se effettivamente sono stati tenuti atteggiamenti antisemiti e di esaltazione dell’azione di Hamas. Se appurati, saranno denunciati alla Procura della Repubblica. A stabilirlo è stato il Ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara.

“In queste ore drammatiche – ha dichiarato il Ministro – voglio esprimere vicinanza al popolo ebraico, vittima di un attacco brutale che richiama i metodi nazisti. Partendo dalla scuola è necessario elaborare una strategia complessiva per debellare ogni residuo di antisemitismo e promuovere la cultura del rispetto. Questo odio feroce, disumano, richiama le esperienze dei peggiori totalitarismi che hanno insanguinato e continuano a insanguinare il mondo intero. Non basta coltivare la memoria: occorre esaltare la centralità e la bellezza dell’essere umano, la cui esistenza è sacra e inviolabile. Saranno quindi effettuate ispezioni in quegli istituti scolastici dove sarebbero emersi atteggiamenti di odio antisemita e di esaltazione della infame azione di Hamas. Vogliamo verificare se qualcuno ha realmente manifestato atteggiamenti di odio, di antisemitismo o di incitamento alla guerra contro Israele. Se questi fatti venissero appurati, i responsabili saranno denunciati alla Procura della Repubblica. Chi ha gioito per azioni che hanno portato a sgozzare bambini e ragazzi, donne e uomini innocenti, solo perché ebrei, deve essere perseguito dalle leggi penali”.

Situazione difficile sul fronte dell’educazione

La crisi ha avuto un impatto devastante sui bambini e sull’educazione. Secondo Save the Children, il numero di bambini coinvolti nella violenza è in aumento con almeno 78 bambini palestinesi uccisi a Gaza. Gli attacchi hanno causato danni a infrastrutture critiche, incluso almeno tre scuole e un ospedale, aggravando ulteriormente la situazione educativa nella regione.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri