Guerra in Israele, “vi preghiamo di rimuovere le app di TikTok e Instagram dagli smartphone dei vostri figli”, le scuole israeliane chiedono agli alunni di rimuovere i social

WhatsApp
Telegram

Il mondo digitale, specie in momenti come quello attuale tra Israele e Palestina, si trasforma in un mare magnum di informazioni, video, foto, e narrazioni che riflettono il dramma umano.

La recente iniziativa di alcune scuole israeliane, che chiedono ai genitori di eliminare app come Instagram, TikTok e X dagli smartphone dei loro figli, solleva questioni cruciali sul delicato equilibrio tra protezione dell’infanzia e libertà di informazione.

In seguito all’attacco di Hamas nella striscia di Gaza, una lettera dell’Israeli Parents Association è stata diffusa, come segnala Elle, esortando i genitori a tenere i figli lontani dai social per evitarne l’esposizione a contenuti disturbanti. La paura è che vengano diffuse immagini crude delle esecuzioni di ostaggi da parte di Hamas. Un comunicato implorava: “Vi preghiamo di rimuovere le app di TikTok e Instagram dagli smartphone dei vostri figli”.

I social media sono divenuti strumenti potentissimi per informarsi, permettendo di andare oltre la narrazione dei media mainstream. Offrono un punto di vista “dal basso”, mostrando le difficoltà dei civili sotto bombardamento. Tuttavia, distinguere il vero dal falso è una sfida anche per gli esperti, rendendo cruciale il ruolo delle piattaforme nel moderare i contenuti.

WhatsApp
Telegram

Abilitazione all’insegnamento 30 CFU. Corsi Abilitanti online attivi! Università Dante Alighieri