“Gruppo di Firenze”: mancanza disciplina, serietà e impegno vere criticità della scuola, non la bocciatura

Stampa

Il Gruppo di Firenze, come segnalatoci dallo stesso, ha pubblicato delle riflessioni in merito a due articoli di Tuttoscuola: Don Milani e la scuola che boccia e Don Milani: solo una formazione personalizzata aiuta a contenere le disuguaglianze.

Nella lettera, che riportiamo di seguito, il Gruppo di Firenze esprime la propria perplessità su una scuola che non deve bocciare ed evidenzia il fatto che volontà, serietà e impegno sono stati cancellati dalla pedagogia, per cui il successo formativo degli alunni dipende soltanto dalla scuola.

La lettera

Caro direttore,

“Tuttoscuola” si rammarica che dal decreto sulla valutazione sia stato tolto il divieto di bocciare nella primaria, inizialmente presente. E, adottando toni e categorie della Lettera a una professoressa, chiosa: “I nostri parlamentari hanno preferito mantenere la distinzione tra i Gianni e i Pierini, figli dei ricchi, colti e urbanizzati, anziché applicare il principio costituzionale di uguaglianza dei cittadini”.

A parte il fatto che è stata la ministra Fedeli a opporsi su questo punto, è difficile capire i motivi per cui sarebbe essenziale impedire per legge un esito che rappresenta lo 0,4% del totale. A differenza di 50-60 anni fa, sono decisioni eccezionalissime, da prendere all’unanimità e da motivare ampiamente. Sarebbe semmai utile un’indagine sulle ragioni che hanno mosso dei consigli di interclasse, certo non a cuor leggero, a bocciare un alunno.
È naturale che “Tuttoscuola” si appoggi in questo campo all’autorità di don Milani: “Durante l’obbligo scolastico non si può bocciare, si diceva a Barbiana, ma si devono rimuovere gli ostacoli che si frappongono alla piena fruizione del diritto allo studio”. “Durante” sì; ma alla fine? A pagina 56 della Lettera si trova un passaggio che non viene mai citato. Rivolgendosi a un’immaginaria insegnante di scuola media, i ragazzi di Barbiana dicono che nella scuola dell’obbligo bisogna portare tutti in terza. Ma aggiungono: “È all’esame di licenza che può sfogare i suoi istinti di selezionatrice. Non avremmo più nulla da ridire. Anzi se il ragazzo non sa ancora scrivere farà bene a bocciarlo.” Stando così le cose, sarà pur lecito discutere se e quando sia meglio, nell’interesse del ragazzo, aspettare la terza media o fermarsi prima in caso di gravi carenze.

Anche l’Ocse, prosegue “Tuttoscuola”, “ritiene che la bocciatura come strumento didattico sia costoso ed inefficace. Quanto costa alla collettività un ripetente?” Ma forse dovremmo anche chiederci quanto costano alla collettività le ben più frequenti promozioni immeritate.

In alternativa alla bocciatura, “Tuttoscuola” rilancia poi la personalizzazione dell’apprendimento. Se però una didattica è davvero efficace e in grado di colmare le lacune di chi è indietro, perché si dovrebbe temere la possibilità di bocciare?

Il fatto è che da tempo immemorabile la volontà, la serietà, l’impegno sono stati cancellati dalla pedagogia, sicché il raggiungimento del “successo formativo” è diventato responsabilità esclusiva di una scuola “che non sa motivare”. I ragazzi “svogliati” di un tempo ora hanno un Bisogno Educativo Speciale. Da un estremo all’altro. Ma un bambino, un ragazzo non sono materia plasmabile a piacere, sono soggetti più o meno o per niente collaborativi. E si dovrebbe abituarli all’idea che il successo scolastico dipende anche da loro.

Un altro ingrediente di cui non si parla mai (tanto meno lo fanno i ministri dell’istruzione) è la disciplina. Eppure a Barbiana era ferrea: “La vita era dura anche lassù: disciplina e scenate da far perdere la voglia di tornare.

[…] Per i casi estremi si usa anche la frusta”. E l’Ocse stessa ne ha sottolineato la grande influenza sul livello degli apprendimenti e il positivo impatto sul clima della classe e sull’umore degli allievi[1]. Ci sarebbe quindi da fare una severa autocritica per il lassismo che è stato tollerato e incoraggiato negli ultimi decenni, con l’effetto di buttare al vento una quantità enorme di tempo scuola (quanto ci costa?).

Tra i comportamenti più gravi c’è il copiare a man bassa durante gli esami e le verifiche in classe. “Tuttoscuola” individua la causa nella “cultura selettiva rimasta nei docenti”, che spingerebbe a cercare “scorciatoie per arrivare rapidamente al traguardo” (in altre parole: se non si bocciasse, sarebbe meno utile copiare). Ma la realtà è ben diversa: come ha dimostrato Marcello Dei nel libro Ragazzi si copia – A lezione di imbroglio nella scuola italiana, lo si fa perché il copiare non è abbastanza stigmatizzato e tanto meno punito; e perché non pochi colleghi chiudono occhi e orecchi, quando non si rendono complici attivi dell’imbroglio. Altro che mentalità selettiva: è la sagra del buonismo che si infischia del merito e della perdita di credibilità del sistema scolastico. Don Milani certo non immaginava che gli esami di oggi sarebbero stati spesso simili a quelli auspicati – ma solo per i ragazzi di Barbiana – in chiusura della Lettera a una professoressa. A pagina 111 infatti si legge che alle superiori la selezione è doverosa (“Qui si costruiscono cittadini specializzati al servizio degli altri. Si vogliono sicuri.”). Ma a pagina 139 la musica cambia:
“Ci sarà bene in qualche istituto magistrale qualcuno che ci scriverà: «Cari ragazzi, quelli di voi che vogliono essere maestri venite a dar gli esami quaggiù. Ho un gruppo di colleghi pronti a chiudere due occhi per voi»”.

Un saluto cordiale,
Giorgio Ragazzini

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur