Il gruppo Facebook “cerco scambio cattedra” per scambiarsi le cattedra in assegnazione provvisoria. Lettera

WhatsApp
Telegram
Anche a seguito della mobilità della scuola secondaria , che sembrerebbe andata meglio di quella di infanzia e primaria, sono molti i casi di docenti che si sono visti assegnare ambiti molto lontani da casa. I docenti del sud sono stati i più penalizzati e sono quelli che, più degli altri, cercano soluzioni.
Anche a seguito della mobilità della scuola secondaria , che sembrerebbe andata meglio di quella di infanzia e primaria, sono molti i casi di docenti che si sono visti assegnare ambiti molto lontani da casa. I docenti del sud sono stati i più penalizzati e sono quelli che, più degli altri, cercano soluzioni.

Il gruppo Facebook “cerco scambio cattedra”  ( https://www.facebook.com/groups/cercocattedra/ ), creato con l'obiettivo di scambiarsi le cattedra in assegnazione provvisoria, continua, infatti, a essere preso d'assalto ed è arrivato, in pochi giorni, a oltre 6000 utenti.
I membri e gli amministratori del gruppo ringraziano tutti i colleghi che stanno contribuendo con la loro partecipazione al raggiungimento dell'obiettivo sperato: mettere in contatto colleghi della stessa classe di concorso.
I post inseriti sono moltissimi. Per migliorare la gestione degli annunci di scambio, alcuni docenti membri del gruppo, stanno approntando un database che facilita la ricerca del posto desiderato:  http://www.cercoscambiocattedra.it:9333/Scuola/jsp/index.jsp .
Ma il gruppo continua a esistere perché dal semplice annuncio di scambio di cattedra si passa rapidamente a scrivere della propria terra, dei propri affetti. Si raccontano storie di sacrifici, si butta fuori la rabbia, ci si organizza insieme, si condividono opinioni e differenti visioni della vita e del lavoro di insegnante.
 
Da sottolineare che non si tratta di un gruppo strettamente dedicato ai neoassunti: è aperto a tutti i docenti di ruolo che volessero ottenere una mobilità annuale tentando anche la carta dello scambio, ma anche, semplicemente, esprimere la propria opinione, supportare i colleghi o (perché no?) rendersi conto, leggendo i post, della misura del dramma che si è venuto a creare con questa mobilità.
 
I membri del gruppo “cerco scambio cattedra docenti” invitano tutti i colleghi a partecipare a questa grande comunità di migranti, al fine di aumentare la probabilità di scambio e migliorare il sostegno reciproco.
Perché, oltre alle cattedre, nel gruppo, si scambiamo emozioni…
 
il gruppo FB Cerco scambio cattedra docenti

WhatsApp
Telegram

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur