Gruppo di Lavoro per l’Inclusione (GLI): un regolamento per assicurarne il funzionamento

WhatsApp
Telegram

Il Gruppo di lavoro per l’inclusione (GLI) è istituito con Direttiva Ministeriale 27 dicembre 2012 avente per oggetto “Strumenti d’intervento per alunni con bisogni educativi speciali e organizzazione territoriale per l’inclusione scolastica”, richiamata dal Ministero dell’Istruzione con la circolare Ministeriale n. 8 prot. 561 datata 6 marzo 2013 ha, in generale, il compito di collaborare all’interno dell’istituto per definire iniziative educative, di integrazione e di inclusione che riguardano studenti riconosciuti come BES.

Il suddetto Gruppo di lavoro si occuperà di:

  • rilevazione dei BES presenti nella scuola;
  • raccolta e documentazione degli interventi didattico-educativi posti in essere anche in funzione di azioni di apprendimento organizzativo in rete tra scuole e/o in rapporto con azioni strategiche dell’Amministrazione;
  • focus/confronto sui casi, consulenza e supporto ai colleghi sulle strategie/metodologie di gestione delle classi;
  • rilevazione, monitoraggio e valutazione del livello di inclusività della scuola;
  • raccolta e coordinamento delle proposte formulate dai singoli GLH Operativi sulla base delle effettive esigenze, ai sensi dell’art. 1, c. 605, lettera b, della legge 296/2006, tradotte in sede di definizione del PEI come stabilito dall’art. 10 comma 5 della Legge 30 luglio 2010 n. 122;
  • elaborazione di una proposta di Piano Annuale per l’Inclusività riferito a tutti gli alunni con BES, da redigere al termine di ogni anno scolastico (entro il mese di giugno).

A tale scopo, come prevede l’ottimo regolamento attuato dall’Istituto Comprensivo di Scuola dell’ Infanzia Primaria e Secondaria di I° Grado “Giovanni Pascoli” di Barga (LU), una vera icona di “buona scuola” e di ottime professionalità, il Gruppo procederà ad un’analisi delle criticità e dei punti di forza degli interventi di inclusione scolastica operati nell’anno appena trascorso e formulerà un’ipotesi globale di utilizzo funzionale delle risorse specifiche, istituzionali e non, per incrementare il livello di inclusività generale della scuola.

Perché un regolamento?

Il Regolamento disciplina il funzionamento del Gruppo di Lavoro per l’Inclusione (GLI) dell’Istituto; potrà, inoltre, essere rettificato o integrato a seguito di esigenze conseguenti a nuove norme o a particolari esigenze dell’I.C. finalizzate a migliorare l’inclusione e l’integrazione degli alunni BES.

Composizione

Il GLI d’ Istituto, come prevede l’ottimo regolamento attuato dall’Istituto Comprensivo di Scuola dell’ Infanzia Primaria e Secondaria di I° Grado “Giovanni Pascoli” di Barga (LU) diretto con strepitosa competenza dal dirigente scolastico la Prof.ssa Patrizia Farsetti, per essere maggiormente funzionale potrebbe o, meglio, dovrebbe essere composto da:

  • il Dirigente scolastico, che lo presiede;
  • il docente funzioni strumentali per area “Successo formativo alunni. Disagio ed integrazione”;
  • i docenti specializzati per le attività di sostegno degli alunni con disabilità certificata assegnati all’Istituto;
  • i docenti coordinatori di plesso;
  • i docenti coordinatori di classe  o di equipe pedagogica;
  • un rappresentante dell’ Azienda Sanitaria;
  • un rappresentante dei genitori di alunni BES;
  • un rappresentante dell’Ente locale.
  • Referente del GLI.

Il referente GLI potrebbe anche coincidere con la docente F.S. dell’area “Successo formativo alunni. Disagio ed integrazione”.

Convocazione e Riunioni del GLI

Le riunioni sono convocate dal Dirigente scolastico e presiedute dallo stesso o da un suo delegato.
Le deliberazioni sono assunte a maggioranza dei componenti.
Di ogni seduta deve essere redatto apposito verbale.
Il GLI si può riunire in seduta plenaria, o dedicata (con la partecipazione delle persone che si occupano in particolare di un alunno, di un ordine di scuola o di un aspetto).
Possono essere invitati a partecipare alle riunioni anche esperti esterni o persone che al di fuori dell’Istituto si occupino degli alunni BES.
Gli incontri di verifica con gli operatori sanitari sono equiparati a riunioni del GLI in seduta dedicata e sono allargati ai docenti della classe in cui è iscritto/a l’ alunno/a.

Competenze del GLI

Il GLI di Istituto presiede alla programmazione generale dell’ inclusione scolastica nella scuola ed ha il compito di collaborare alle iniziative educative e di integrazione previste dal piano educativo personalizzato dei singoli alunni attraverso l’attuazione di precoci interventi atti a prevenire il disadattamento e l’emarginazione e finalizzati alla piena realizzazione del diritto allo studio di tutti gli alunni.

In particolare, il GLI interviene per:

  • gestire e coordinare l’attività dell’ Istituto in relazione agli alunni BES al fine di ottimizzare le relative procedure e l’organizzazione scolastica;
  • analizzare la situazione complessiva dell’istituto (numero degli alunni BES, tipologia degli handicap, classi coinvolte);
  • individuare i criteri per l’assegnazione degli alunni con disabilità alle classi;
  • individuare i criteri per l’assegnazione dei docenti di sostegno alle classi, per la distribuzione delle ore di eventuali risorse aggiuntive e per l’ utilizzo delle compresenze tra i docenti;
  • rilevazione, monitoraggio e valutazione del livello di inclusività della scuola;
  • proporre l’acquisto di attrezzature, strumenti, sussidi, ausili tecnologici e materiali didattici;
  • definire le modalità di accoglienza degli alunni con disabilità;
  • analizzare casi critici e proposte di intervento per risolvere problematiche emerse nelle attività di inclusione;
  • elaborazione di una proposta di Piano Annuale per l’Inclusività riferito a tutti gli alunni con BES.

Competenze del referente del GLI

Il Referente del GLI, si occupa di:

  • presiedere, quando necessario e su delega del Dirigente scolastico, le riunioni del GLI;
  • predisporre gli atti necessari per le sedute del GLI;
  • verbalizzare le sedute del GLI;
  • curare la documentazione relativa agli alunni con disabilità e agli alunni DSA, verificarne la regolarità e aggiornare, in collaborazione con la segreteria, i dati informativi (generalità, patologie, necessità assistenziali e pedagogiche, ecc.);
  • collaborare (riferito al referente GLI-H) con il Dirigente scolastico alla elaborazione del quadro riassuntivo generale della richiesta di organico dei docenti di sostegno sulla base delle necessità formative degli alunni con disabilità desunte dai relativi PEI e dalle relazioni finali sulle attività di inclusione messe in atto dai rispettivi Consigli di classe;
  • collaborare all’accoglienza dei docenti specializzati per le attività di sostegno;
  • curare l’ espletamento da parte dei Consigli di classe o dei singoli docenti di tutti gli atti dovuti secondo le norme vigenti;
  • coordinare la stesura del PAI annuale.

Regolamento GLI

WhatsApp
Telegram

Concorso a cattedra ordinario secondaria, il corso: con esempi di prova orale già pronti e simulatore EDISES per la prova scritta. A 150 EURO