Green pass scuola, ecco quali tipi di test sono validi per avere la certificazione verde

Stampa

Lunedì si torna in classe nella maggior parte delle regioni italiane. La principale novità per questo anno scolastico è l’introduzione dell’obbligo del Green pass per chiunque debba accedere alla struttura scolastica ad eccezione degli studenti. 

Con il decreto green pass approvato dalla Camera dei Deputati (ora c’è il passaggio al Senato), la certificazione verde si estende da 9 a 12 mesi, non solo quelli ottenuti attraverso la vaccinazione ma anche quelli in tasca ai guariti di Covid che hanno fatto, come previsto, una sola dose del vaccino. Resta per ora di 6 mesi la durata del green pass per i guariti dal Covid che non si sono immunizzati.

Tra le modifiche approvate c’è anche quella che consente di ottenere il green pass non solo attraverso tamponi molecolari e test antigenici naso-faringei, ma anche con i tamponi salivari (come per gli altri test il green pass in questo caso è valido 48 ore). Una novità importante perché dà uno strumento in più, utile soprattutto per i bambini.

Attualmente, però, la misura non è ancora in vigore. Lo sarà solo dopo la conversione in legge del provvedimento e la sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Dunque lunedì sarà inutile, anche per i genitori, sottoporsi a tampone salivare per ottenere il green pass.

Non solo. Slitta di due mesi, dal 30 settembre al 30 novembre, il termine entro i cui i tamponi rapidi nelle farmacie convenzionate avranno un prezzo calmierato: 15 euro, anziché 22, per gli adulti e 8 euro dai 12 ai 18 anni.

Quali tipi di test sono validi per avere la Certificazione verde Covid-19 in Italia?

Attualmente i test validi per avere la Certificazione verde Covid-19 sono i seguenti:

  • test molecolare: permette di rilevare la presenza di materiale genetico (RNA) del virus; questo tipo di test è effettuato su un campione di secrezioni respiratorie, generalmente un tampone naso-faringeo.
  • test antigenico rapido inserito nell’elenco comune europeo: apre una nuova finestra dei test antigenici rapidi per COVID-19: questo test effettuato tramite tamponi nasali, orofaringei o nasofaringei permette di evidenziare rapidamente (30-60 min) la presenza di componenti (antigeni) del virus. Deve essere effettuato da operatori sanitari o da personale addestrato che ne certifica il tipo, la data in cui è stato effettuato e il risultato e trasmette i dati per il tramite del Sistema Tessera Sanitaria alla Piattaforma nazionale-DGC per l’emissione della Certificazione.

Sono al momento esclusi autotest rapidi, test salivari e test sierologici.

Green scuola, obbligo anche per i genitori. DECRETO LEGGE in Gazzetta Ufficiale. SCARICA [PDF] con le FAQ aggiornate

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur