Green Pass, Sasso: “Orrenda idea escludere da scuola chi ne sarà sprovvisto”

Stampa

“Nelle ultime ore milioni di mamme e di papà italiani stanno vivendo momenti di incertezza, tensione legati all’argomento vaccino sì  vaccino no per i propri figli minorenni. I dubbi sono tanti, quei dubbi che la Lega condivide e che invece il Ministro Speranza e le altre forze politiche che fanno parte della maggioranza sembrano non avere. Personalmente ritengo che i cittadini debbano essere informati, non insultati e costretti a “stare chiusi in casa come sorci”, per dirla con Burioni, che dall’alto della sua preparazione scientifica non ha l’intelligenza di capire che cosi’ facendo alimenta solo ulteriori tensioni”.

Questo è quanto afferma sul suo profilo Facebook, il sottosegretario all’Istruzione, Rossano Sasso.

“Tanti genitori che sono vaccinati sono incerti sul far vaccinare i propri figli minorenni – aggiunge -. Vogliamo chiarire i loro dubbi o no? Siamo certi che questi vaccini in futuro non possano avere degli effetti indesiderati? La scienza è unanimemente concorde nel considerarli indispensabili per un bambino di 12 anni? Se un cittadino ha dubbi e perplessità in tal senso non è una capra ignorante: si informa, legge e ha il diritto di capire, senza subire imposizioni e restrizioni”

“Senza il green pass – afferma ancora – gli adolescenti non potranno più fare vita sociale, frequentare teatri, palestre, piscine. Dovranno restare chiusi in casa come sorci, appunto. Lontani dalla vita, lontani da una crescita sana”, “mi chiedo cosa ne pensino pediatri, pedagogisti, studiosi dell’età evolutiva: se ci siete, battete un colpo. E noi cosa faremo a scuola, didattica in presenza solo se si ha il green pass? Da padre e da insegnante, ancor prima che da Sottosegretario, definisco orrenda una ipotesi del genere”.

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur