Green Pass: Radamante scioglie la riserva ed avvia due ricorsi collettivi gratuiti al Tar Lazio e al Tribunale di Roma per gli studenti universitari

Stampa

Anief – L’iniziativa giudiziaria intende contrastare l’illegittimo obbligo del possesso e dell’esibizione del Green Pass, nonché contro le sanzioni amministrative. L’azione vuole annullare l’art. 1 c. 6 del DL n. 111/21 e le disposizioni applicative che causano l’interruzione del diritto allo studio (esami, lezioni, lauree) e il pagamento di una multa da 400 a 1.000 euro.

Adesioni entro il 23 agosto al seguente link.

Il giovane sindacato ha deciso come agire per portare giustizia tra i lavoratori della scuola che non hanno intenzione di presentare il Green pass, alla luce anche del Regolamento UE 953 del 2021 e ai sensi del quale è stato adottato solo per gli spostamenti per l’ester: sarà richiesto un provvedimento urgente al giudice amministrativo a ridosso dell’inizio dell’anno accademico e al giudice ordinario un’ordinanza contro l’azione discriminatoria e per i relativi risarcimenti patiti. Nel frattempo, l’associazione europea metterà a disposizione un modello di domanda di tampone rapido gratuito da eventuale richiedere ai rettori nonché di attivazione della didattica a distanza.

Continua la raccolta delle firme per la petizione rivolta ai parlamentari italiani – quasi a 10 mila firme, che sarà depositata alla riapertura dei lavori in allegato alle proposte di modifica del provvedimento in corso di conversione che saranno presentate in raccordo con Anief. Per firmare, vai al seguente link.

Stampa