“Green pass obbligatorio per tutti gli studenti. A scuola casi fuori controllo”. I sindaci scrivono al governo. I presidi: “Può ledere diritto all’ istruzione”

WhatsApp
Telegram

“I bambini e i ragazzi vaccinati non possono ritrovarsi in Didattica a distanza a causa dei loro compagni non vaccinati. Bisogna introdurre il Green Pass anche per gli alunni delle elementari, per gli studenti delle medie e delle superiori. Chiediamo al governo e a Draghi di fare subito un provvedimento per adottarlo nelle scuole”.

Matteo Ricci, sindaco di Pesaro, presidente dell’Associazione per le autonomie (Ali), ha scritto la lettera-appello al premier Draghi e ai ministri della Salute e della Scuola, Speranza e Bianchi. L’appello è sottoscritto da decine di sindaci, da Milano a Lecce, da Torino a Napoli.

A La Repubblica spiega: “Si tratta di adottare le stesse regole, ripeto, che per i lavoratori. Oggi per andare a lavorare occorre avere il Green Pass, quindi essere vaccinati o fare il tampone ogni due giorni. Il vaccino è stato approvato anche per i bimbi dai 5 anni in su, le vaccinazioni sono iniziate giovedì scorso. Per rendere la scuola in presenza sicura dal punto di vista sanitario, tenuto conto che gli insegnanti hanno l’obbligo di vaccino – bisogna rivolgersi ai ragazzi. Il Green Pass ci aiuterebbe nella campagna di vaccinazione per i bambini. Eviterebbe appunto il paradosso che le famiglie che hanno fatto vaccinare i loro figli, si ritrovino lo stesso con i ragazzi in Dad”.

Poi aggiunge: “Temo un fallimento dell’Italia sulla scuola. Noi stiamo affrontando l’emergenza molto meglio del resto d’Europa, non possiamo fallire sulla scuola. Alle provocazioni dell’ala più estremista dei No Vax siamo abituati. E certo come sindaci non ci facciamo intimorire, ma cerchiamo di fare scelte nell’interesse delle comunità che abbiamo l’onore di rappresentare”. 

Se i sindaci italiani vedono il green pass come un modo per tutelare l’istruzione degli studenti italiani, per i presidi sarebbe invece un rischio.

“Comprendiamo la preoccupazione di chi si trova a dover fronteggiare la quarta ondata che sta investendo in modo particolare la fascia più giovane della popolazione. D’altra parte la scuola necessita di una estrema e doverosa gradualità nell’introduzione di misure che potrebbero comportare una compressione del diritto all’istruzione, pur se determinate da ragione di salute collettiva”, ha detto il presidente dell’Anp, Antonello Giannelli.

WhatsApp
Telegram

Concorso ordinario secondaria: diventerà annuale. Nessuna prova preselettiva. Eurosofia mette a disposizione i propri esperti