Green pass obbligatorio docenti e Ata, per i sindacati non basta per riaprire le scuole in sicurezza. Qualcuno invoca lo sciopero

Stampa

Il Governo ha dato il via libera al green pass obbligatorio per docenti e Ata: da settembre chi non avrà il certificato verde di vaccinazione avrà parecchi problemi ad accedere a scuola. Forse è un falso problema visto che i dati sui vaccinati presentati dalla struttura commissariale sono probabilmente in ribasso. Per questo i sindacati della scuola non sembrano convinti della misura come risolutiva.

Green pass scuola, obbligo per docenti e Ata, C’è l’ok del governo. Bianchi: “Oltre 86% di vaccinati. Screening per gli studenti” [VIDEO]

Infatti, come lo stesso ministro Bianchi ha ammesso nel corso della conferenza stampa, oltre l’86% del personale scolastico è già vaccinato. E potrebbero essere anche di più a causa delle vaccinazioni non registrate.

Ecco perché secondo le organizzazioni sindacali non basterà a scongiurare la didattica a distanza se non ci saranno altre iniziative. Su tutte l’organico aggiuntivo e le classi con un numero inferiore di alunni.

Il Green pass potrebbe gettare sui dirigenti scolastici nuove incombenze: “penso, per esempio alla partita delle supplenze, bisognerà capire se i supplenti sono vaccinati o no o se hanno fatto un tampone di recente, rispettando al tempo stesso le graduatorie. Occorrerà aiutare le scuole in questa gestione o avranno complicazioni“, dice il segretario della Flc Cgil Francesco Sinopoli.

Secondo lo Snals, il sindacato guidato da Elvira Serafini, il Piano Scuola “scarica le responsabilità sugli istituti“, dal momento che “prevede raccomandazioni ma poche indicazioni precise“.

Per il coordinatore della Gilda Rino Di Meglio, è “illogico fissare l’obbligo vaccinale per il personale scolastico ma non per la ben più folta platea studentesca, considerato che, al contrario dell’ambito sanitario, sono gli studenti a costituire un potenziale veicolo di contagio per gli insegnanti e non viceversa“.

Secondo Pino Turi, segretario generale della Uil Scuola, “nessuna contrarietà preconcetta all’obbligo di green pass per docenti e personale della scuola, ma sicuramente molte le questioni che restano in sospeso”. E allo stesso tempo la Uil cerca soluzioni per i lavoratori fragili “che al momento sono scoperti e ci stanno rimettendo in termini di stipendio ridotto e rischio licenziamento“.

Per Marcello Pacifico, presidente Anief, il Green pass “è una misura inutile, bisogna trovare soluzioni per garantire a lavoratori e famiglie di fare didattica in presenza ma in sicurezza. Noi siamo pronti allo sciopero: abbiamo chiesto di aprire le scuole in sicurezza, che significa dare spazi in base alla normativa italiana ed europea. Abbiamo un problema, abbiamo di nuovo molti contagiati, bisogna vaccinarsi ma non bisogna imporre. Il 90% dei docenti è vaccinato, questo atteggiamento è ridicolo; dobbiamo promuovere la campagna vaccinale, abbiamo davanti un pericolo di massa, diffondiamo sì l’idea che dobbiamo vaccinarci, ma pensiamo anche a maggiori spazi”.

Green pass scuola (vaccino o tampone), obbligo docenti e Ata: dopo 5 giorni di assenza sospensione non licenziamento. DAD solo in caso di emergenza. Tutto quello che sappiamo

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”