Green pass mezzi pubblici, studentessa con prima dose ma senza certificazione, non fatta salire

WhatsApp
Telegram

Controlli a campione sono in corso sugli autobus urbani dell’Amts, l’Azienda metropolitana trasporti e sosta di Catania, per accertare se gli utenti che utilizzano i mezzi di trasporto pubblico siano in possesso di Green pass.

Una studentessa arrivata dalla provincia non è stata fatta salire perché, nonostante avesse già ricevuto la prima dose di vaccino, non era ancora in possesso del ‘certificato verde’.  Alcuni passeggeri hanno contestato “il sistema di controllo a campione” perché, hanno sostenuto, “non impedisce a chi è senza  Green pass di utilizzare i bus dell’Amts se lo utilizzano, salendo e scendendo, prima delle verifiche”. 

Green pass mezzi pubblici, obbligatorio per gli studenti delle scuole superiori

La misura vale per gli studenti delle scuole superiori, ma non per quelli under 12. Il governo, con la FAQ ufficiale, pubblicato sul sito specifica che il trasporto scolastico dedicato (scuolabus) per i minori di 12 anni sarà possibile senza green pass.

La misura sarà valida, per il momento, per gli studenti delle scuole superiori. Per gli studenti di scuole superiori e istituti tecnici superiori sarà consentito l’accesso a scuola senza green pass, ma non potranno prendere i mezzi pubblici se non hanno la certificazione verde. Questo, almeno, è quanto si evince dalla tabella pubblicata dal governo.

Secondo gli ultimi dati a disposizione (2019) gli studenti che utilizzano i mezzi pubblici sono il 32,4% (oltre 3 milioni). A frequentare scuola media e superiore sono oltre 4 milioni e considerato che oltre circa 3 milioni quelli vaccinati, vuol dire che oltre un milione di studenti non hanno completato o non hanno mai iniziato il ciclo vaccinale.

Pertanto circa il 25% degli studenti è obbligato a muoversi con il green pass (vaccino o tampone) per salire sul bus.

La tabella del Governo

WhatsApp
Telegram

ASUNIVER e MNEMOSINE, dottorato di ricerca in Spagna: cresci professionalmente e accedi alla carriera universitaria con tre anni di congedo retribuito