Green pass, il governo impone prezzi calmierati per i tamponi, ma nelle strutture private costi fino a 140 euro

Stampa

Un business o quasi, quello dei tamponi anti-Covid. Il prezzo del test è calmierato a 8 euro per i minori di 18 anni e a 22 euro dai 18 anni in su, ma nelle strutture private va incontro a escursioni notevoli: dai 30 euro di Palermo ai 95-140 e oltre di Milano. In mezzo, ad esempio, c’è Firenze, dove si pagano 65 euro.

Tolte le oscillazioni in alto e in basso, il prezzo medio di un tampone nelle strutture private è di 50 euro. Si tratta, segnala l’AGI in una scheda informativa, del costo di oggi, 12 ottobre, quando l’obbligo di green pass sui luoghi di lavoro non è ancora scattato.

Green pass e tamponi salivari molecolari: 24 ore per avere un risultato e costi fino a 150 euro. Conviene ma non troppo. C’è però uno spiraglio

Cosa accadrà da lunedì della prossima settimana lo si può immaginare ma non pronosticare con certezza. Il ricorso alle strutture private, però, rischia di essere inevitabile.  Fino a oggi in Italia vengono fatti circa tra 1,6 e 1,9 milioni di tamponi a settimana negli ospedali, nei ‘drive-in’ e nelle strutture prevalentemente pubbliche o, come nel caso delle farmacie, a prezzi controllati.

Le stime che hanno fatto lanciare l’allarme da parte delle regioni parlano di circa 2 milioni di lavoratori non vaccinati che dovranno fare un tampone ogni 48 ore. Un totale di 6 milioni di test che si aggiungono ai circa 2 milioni di tamponi da analizzare dell’attuale ‘normalità’.

Quanto costerebbe allo Stato pagare tutti i tamponi ai lavoratori: 500 milioni di euro al mese. Tutti i calcoli

Stampa

Concorsi ordinari docenti entro il 2021, anche DSGA. Preparati con CFIScuola!