Green Pass, ecco come riconoscere facilmente quello autentico. L’app ufficiale del governo italiano

Stampa

Per verificare se una Certificazione verde è autentica bisogna utilizzare l’app gratuita VerificaC19 installata su un dispositivo mobile (non è necessario avere una connessione internet).

L’app non memorizza le informazioni personali sul dispositivo del verificatore.

  1. Scarica l’app gratuita “VerificaC19” dall’App Store di Apple o dal Google Play Store.
  2. Apri l’app “VerificaC19”.
  3. Nella schermata iniziale premi il tasto “Avvia scansione”, si attiverà la fotocamera.
  4. Inquadra il codice QR del green pass con la fotocamera del cellulare.
  5. Se il green pass è regolare e in corso di validità, l’app mostrerà la scritta “Certificato valido” e nome, cognome e data di nascita dell’intestatario.

Green Pass, non serve per andare a scuola, né sui mezzi pubblici. Cosa cambia dal 6 agosto: ecco le FAQ

DECRETO LEGGE [PDF]

Il governo ha stabilito che dal 6 agosto sarà possibile svolgere alcune attività solo se si è in possesso di:

  • certificazioni verdi COVID-19 (Green Pass), comprovanti l’inoculamento almeno della prima dose vaccinale Sars-CoV-2 o la guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2, e che hanno una validità di 6 mesi;
  • oppure se si effettua un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2, e che ha una validità di 48 ore.

LE FAQ

In caso di vaccinazione:

  • per la prima dose dei vaccini che ne richiedono due, la Certificazione sarà generata dal 12° giorno dopo la somministrazione e avrà validità a partire dal 15° giorno fino alla dose successiva;
  • nei casi di seconda dose o dose unica per pregressa infezionela Certificazione sarà generata entro un paio di giorni;
  • nei casi di vaccino monodosela Certificazione sarà generata dal 15° giorno dopo la somministrazione.

In caso di tampone negativo:

  • Nei casi di tampone negativo la Certificazione sarà generata in poche ore e avrà validità per 48 ore dall’ora del prelievo.

In caso di guarigione:

  • Nei casi di guarigione da COVID-19 la Certificazione sarà generata entro il giorno seguente.

Quali sono le attività che si possono svolgere esibendo il Green Pass?

Fra le attività che richiederanno il Green Pass ci sono:

  • Servizi per la ristorazione svolti da qualsiasi esercizio per consumo al tavolo al chiuso
  • Spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi
  • Musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
  • Piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
  • Sagre e fiere, convegni e congressi;
  • Centri termali, parchi tematici e di divertimento;
  • Centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e le relative attività di ristorazione;
  • Attività di sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
  • Concorsi pubblici.

Per entrare nei luoghi di culto, parrocchie e basiliche, e partecipare alle funzioni religiosi non ci sarà bisogno di esibire la certificazione anti Covid. Per le chiese, infatti, restano in vigore i protocolli siglati in concomitanza con le riaperture che prevedono per i fedeli l’utilizzo della mascherina, la distanza di sicurezza e il numero contingentato, ma niente Green Pass.

Senza internet posso avere il green pass?

Nel caso non si possegga un computer o uno smartphone, o si sia temporaneamente impossibilitati alla navigazione internet, oppure per qualche motivo non si sia più in possesso di uno dei codici univoci necessari all’ottenimento del Green Pass, è possibile recarsi dal proprio medico di famiglia o in farmacia esibendo la Tessera Sanitaria e il Codice Fiscale.

Se si vuole recuperare il proprio codice univoco mai arrivato via SMS o e-mail a seguito della vaccinazione o di un tampone negativo o dell’avvenuta guarigione, è possibile chiamare il numero di telefono 1500 o scrivere all’indirizzo e-mail dedicato ([email protected]indicando il proprio Codice Fiscale, la data dell’evento (es vaccinazione, tampone negativo, data primo tampone positivo per i guariti) e l’email a cui si vuole ricevere l’AUTHCODE.

Come ottenere online il Green Pass (Certificazione verde COVID-19)

Soprattutto dopo la conferenza stampa di Draghi, molte persone stanno intasando i centralini delle autorità e della aziende sanitarie per capire come fare per ottenere il Green Pass, ovvero la Certificazione verde COVID-19 digitale. Ecco come fare.

Usare il sito dedicato per scaricare il Green Pass

Il governo ha istituto già da più di un mese una piattaforma online dedicata a tale scopo: è un sito web raggiungibile anche con lo smartphone.

Se si ha SPID o CIE

Se si procede alla richiesta del Green Pass usando la propria identità digitale (SPID o CIE), dopo la verifica dei dati da parte del sistema si potrà scaricare direttamente la certificazione verde COVID-19 in formato PDF.

Se si usa la tessera sanitaria

Se invece non si è in possesso di SPID o CIE si può usare la Tessera Sanitaria per inoltrare la richiesta. Si avrà bisogno di indicare gli ultimi 8 numeri della Tessera Sanitaria, la sua data di scadenza e almeno uno di questi codici univoci: CUN, NRFE, NUCG o AUTHCODE. Dopo le verifiche del sistema, sarà possibile scaricare la Certificazione verde COVID-19 digitale in formato PDF.

Cosa sono i codici CUN, NRFE, NUCG o AUTHCODE, e dove li trovo?

CUN (Codice Univoco Nazionale) è il codice ricevuto a fronte di un tampone molecolare negativo.

NRFE (Numero di Referto Elettronico) è il codice ricevuto a fronte di un tampone antigenico negativo.

NUCG (Numero Univoco Certificato Guarigione) è il codice ricevuto a fronte di un certificato di guarigione da COVID-19.

AUTHCODE è il codice autorizzativo ricevuto via e-mail o SMS quando è avvenuta la vaccinazione, o il test antigenico/molecolare, o è stato emesso il certificato di guarigione da COVID-19.

Usare il Fascicolo Sanitario Elettronico per scaricare il Green Pass

Si può ottenere la Certificazione verde COVID-19 digitale anche attraverso il proprio Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE).

L’accesso al Fascicolo Sanitario Elettronico avviene con le stesse modalità previste per le altre tipologie di documenti gestiti da FSE. Dopo avere avuto accesso al sistema, la Certificazione verde COVID-19 sarà disponibile tra i nuovi documenti scaricabili e sarà in formato PDF.

Usare l’app Immuni per scaricare il Green Pass

Il Green Pass può essere ottenuto anche attraverso l’app Immuni. È sufficiente aprire l’app, toccare “EU Digital Covid Certificate”, poi su “Recupera EU Digital Covid Certificate”, quindi selezionare il tipo di codice univoco che si vuole usare tra CUN, NRFE, NUCG o AUTHCODE, e indicare le ultime 8 cifre della Tessera Sanitaria e la sua data di scadenza. A questo punto Immuni permette la consultazione della Certificazione verde COVID-19 valida e il suo scaricamento sul telefono.

Usare l’app IO per scaricare il Green Pass

Anche l’app IO per i pagamenti e le notifiche delle Pubbliche Amministrazioni consente l’ottenimento della Certificazione verde COVID-19 digitale.

L’utente accede all’app IO nel modo consueto, utilizzando la propria identità digitale (SPID o CIE) e la App mostrerà tra i “Messaggi ricevuti” la Certificazione verde COVID-19 digitale che potrà essere anche scaricata sul telefono

Green Pass, decreto legge pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Ecco come ottenere la certificazione se non si ha internet [PDF]

Stampa

Nel prossimo incontro de L’Eco digitale di Eurosogia parleremo di: “Il coding nella scuola del primo ciclo: imparare divertendosi”