Green pass: 116 docenti inviano diffida contro l’obbligo

Stampa

Una diffida contro l’obbligo del Green pass per il personale scolastico è stata inviata, tra gli altri, al Ministero dell’Istruzione e all’Ufficio scolastico regionale dall’avvocato Mitja Ozbic in rappresentanza di 116 dipendenti della scuola in Friuli Venezia Giulia.

L’applicazione del decreto, a loro avviso, è discriminatorio. Lo riferisce la Tgr Rai del Friuli Venezia Giulia.

Gran parte degli assistiti lavora in istituti di lingua slovena, gli altri in scuole di lingua italiana, tra Trieste, Gorizia e Udine. Si sono rivolti al legale in quanto contrari alla normativa che di fatto prevede, per i non vaccinati, tamponi a proprie spese.

Il decreto del 6 agosto, sono convinti i mittenti della diffida, è “contrastante” con il regolamento Comunitario, che ha previsto un certificato verde per agevolare la libera circolazione sicura dei cittadini nell’Ue e che chiede “di evitare la discriminazione diretta o indiretta di persone che non sono vaccinate”.

Inoltre è “incostituzionale”. Nella diffida, “antecedente ad azioni civili e denuncia/esposto penale”, c’è anche l’invito a predisporre un servizio di test salivari con cadenza bisettimanale, con spese a carico del datore di lavoro, per lo screening di tutti i dipendenti, vaccinati e non.

Stampa

Eurosofia avvia il nuovo ciclo formativo: “Coding e pensiero computazionale per la scuola del primo ciclo”