Green pass, Costa: “Obbligo esteso perché non possiamo permetterci passi falsi”

Stampa

“L’Italia insieme alla Germania sono due dei Paesi in Ue dove la curva dei contagi sta incidendo meno e anche i dati economici evidenziano che c’è una ripresa, tutto questo è stato possibile grazie ad una campagna vaccinale che ha dato risultati importanti”.  Così il sottosegretario alla Salute Andrea Costa.

E ancora: “Però siamo di fronte ad una fase delicata: sono state riaperte le scuole del Paese e stiamo lavorando sul ritorno in presenza dei lavoratori. Dobbiamo monitorare ancora 2-3 settimane l’impatto dei contagi e delll’epidemia, per questo non possiamo permetterci passi falsi, e vanificare tutto quello che abbiamo fatto. Dal 15 ottobre scatterà l’obbligo del Green pass e poi a fine ottobre potrebbe essere un momento per una ulteriore riflessione su eventuali modifiche”. 

Super green pass, dal 15 ottobre sarà valido per lavorare (pubblico e privato). L’Italia sarà unico paese in Europa

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur