Green pass, cosa accade se scade durante orario di servizio a scuola. Anief: docenti e ATA allontanati, no caccia alle streghe

Stampa

Green pass, lavoratori allontanati da scuola durante l’orario di servizio perchè il certificato scade dopo l’entrata. Anief: no alla caccia alle streghe.

Il sindacato Anief riferisce che alcuni docenti e ATA sono stati allontanati da scuola nel corso della giornata lavorativa, dopo avere appurato che la certificazione verde Green Pass, attiva al momento dell’ingresso a scuola all’inizio dell’orario di servizio, era poi scaduta nel corso della giornata e dunque senza possibilità di completare l’orario di servizio della giornata.

Il sindacato – che ha ricevuto diverse segnalazioni – ha deciso di scrivere all’amministrazione, in particolare al capo dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali e a quello per il personale scolastico, così da chiedere se la procedura di allontanamento del personale dopo regolare accettazione a scuola è corretta.

Secondo Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief, “quanto sta accadendo negli istituti scolastici, con il personale docente e amministrativo allontanato da scuola nel corso della giornata rappresenta il grado di confusione e di clima di caccia alle streghe che si è andati a realizzare sul Green Pass. Noi siamo i primi a rivendicare la sicurezza sul luogo di lavoro, ma non si può pensare di assicurarla semplicemente imponendo una certificazione illegittima e discriminante, senza preoccuparsi del contesto dove si fa formazione e del numero esagerato di alunni collocati in ogni aula. Fino a che si agirà in questo modo, guardando al dito e non alla luna, la scuola non decollerà mai verso quell’istruzione di qualità che tutti vogliamo e che l’Unione europea ci chiede di organizzare anche con i miliardi del Pnrr”.

Il sindacato Anief chiede chiarezza: “Considerato che, sul punto, la nota dipartimentale n. 953 del 9 settembre 2021 si limita ad affermare che il controllo delle certificazioni in oggetto debba essere effettuato “quotidianamente e prima dell’accesso del personale nella sede ove presta servizio””, l’organizzazione guidata dal professore Marcello Pacifico, ha chiesto ufficialmente al Ministero “di voler integrare le indicazioni ai dirigenti scolastici di cui alla circolare sopra citata, specificando quale sia la procedura da seguire in caso di scadenza, e conseguente disattivazione, della certificazione verde Covid-19 in corso di giornata lavorativa”.

Anief ha anche chiesto ai capi dipartimento interessati di “valutare l’opportunità di invitare i dirigenti scolastici a consentire, all’occorrenza di simili situazioni, il completamento dell’orario di servizio del personale, senza ricorso all’immediato allontanamento del personale”.

Questo perché, “il personale che ottiene la certificazione verde Covid-19 a seguito di effettuazione di tampone molecolare non ha sempre modo di scegliere l’orario in cui effettuarlo, poiché questo viene stabilito dalla struttura che lo effettua in base al numero di richieste pervenute. Non è pertanto possibile, in assoluto, per il personale scolastico far sì che la suddetta certificazione venga rilasciata in modo tale che la scadenza non coincida con l’orario di servizio”.

Il sindacato ha anche spiegato ai dirigenti che operano a Viale Trastevere che “l’allontanamento del personale scolastico, con particolare riferimento a quello docente, durante l’orario di lezione rischia di danneggiare il diritto all’istruzione degli alunni e di creare grandi difficoltà organizzative all’istituzione scolastica in quanto è pressoché impossibile garantirne la sostituzione senza alcun preavviso”.

La lettera completa

Stampa

Corso di perfezionamento in Metodologia CLIL: acquisisci i 60 CFU con Mnemosine, Ente accreditato Miur