Bianchi: “Immessi in ruolo 59mila insegnanti. Draghi: “Vaccinato il 91,5% di docenti e Ata”. Speranza: “Via la mascherina in classe se tutti vaccinati” [VIDEO]

Stampa

Giornata chiave per il governo in vista del ritorno in classe previsto per metà settembre. Ieri, 1 settembre, sono iniziate le prime attività per docenti e Ata, il vero banco di prova, però, sarà la piena ripresa dell’attività didattica prevista a partire dal 13 settembre.

Nella Sala Polifunzionale di Palazzo Chigi, il presidente del Consiglio, Mario Draghi, assieme ai ministri Roberto Speranza, Patrizio Bianchi, Mariastella Gelmini ed Enrico Giovannini, ha parlato di campagna vaccinale, scuola, trasporti, green pass, ripresa economica, crisi afghana. Dopo il rientro dalle vacanze ha illustrato l’attività e i prossimi impegni del governo. In mattinata c’è stato il Consiglio dei ministri, durato circa un’ora.

Le parole di Mario Draghi

“La campagna procede spedita, verso la fine di settembre sarà vaccinata l’80% della popolazione, già oggi siamo al 70% completamente vaccinato”. Così il Presidente del Consiglio, Mario Draghi, in conferenza stampa.

Poi ha spiegato che i dati sui vaccini danno “conforto sia per la ripresa dell’attività produttiva sia per la ripresa della scuola”. Il premier ha poi lanciato un nuovo invito a vaccinarsi: “È un atto verso se stessi, ma anche di solidarietà verso gli altri, di protezione verso la propria famiglia e delle persone con cui si viene a contatto”.

Sottolinea: “La campagna vaccinale è stata abbracciata con grande entusiasmo dai giovani, l’adesione massiccia dei giovani e la copertura estesa a livello nazionale ci permette di affrontare con una certa tranquillità e con minore incertezza dell’anno scorso l’apertura delle scuole”. Riguardo al personale scolastico, ha aggiunto che “il 91,5% degli insegnanti ha ricevuto almeno una dose di vaccino”.

Poi aggiunge: “Voglio esprimere solidarietà piena a tutti coloro che sono stati oggetto di violenza da parte dei No Vax, una violenza particolarmente odiosa e vigliacca quando fatta nei confronti di chi fa formazione e di chi è in prima linea a combattere la pandemia. Sulla scuola l’impressione è che la preparazione sia stata accurata, ben fatta, che insomma il Governo non abbia passeggiato durante l’estate, come dice qualcuno”.

Sul green pass: “L’orientamento è quello di estendere l’utilizzo del green pass, ci sarà una cabina di regia come è stato chiesto dal senatore Salvini ma la direzione è questa”.


Le parole di Patrizio Bianchi

“Ieri tutte le nostre scuole hanno riaperto. Abbiamo immesso in ruolo quest’anno 59 mila insegnanti e 8700 membri del personale ATA. Abbiamo preso l’impegno di far partire concorsi regolari, ogni anno. Le regole le sapete: mascherina, distanziamento, regole di igiene fondamentale. Nelle classi dove sono tutti vaccinati si può togliere la mascherina e tornare a sorridere insieme”. Così il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, in conferenza stampa.

E ancora: “Abbiamo lavorato moltissimo secondo il mandato dato dal presidente (Draghi, ndr), cioè sulle persone, sugli insegnanti, facendo i concorsi, e con neanche una sanatoria. Facendo i concorsi abbiamo messo in ruolo quest’anno 59mila insegnanti, l’anno scorso erano stati 19mila, quindi sono tre volte tanto. Di questi, abbiamo inserito 13.908 insegnanti di sostegno, l’anno scorso erano 1.778. Non solo, abbiamo già attivato anche tutte le procedure che si concluderanno in settimana per le supplenze annuali. Abbiamo avviato i concorsi per l’anno prossimo in modo di concludere in due anni completamente la tematica del tempo indeterminato. E nel decreto di agosto abbiamo messo l’impegno di far partire concorsi regolari ogni anno per poter sostituire il turnover previsto fino al 2030”.

“Questa operazione – ha spiegato Bianchi – è avvenuta con un lunghissimo lavoro preparatorio che risale alla primavera, quando avevamo deciso con forza di riportare i ragazzi in presenza. Poi abbiamo fatto gli esami: 1,1 milioni di ragazzi quelli di terza media, 570mila quelli di maturità e 540mila per il diploma. E durante l’estate tutte le nostre scuole hanno lavorato”.

“Abbiamo finanziato 32.500 progetti che hanno permesso di recuperare 1.650.000 ore di lezione di scuola – ha continuato il ministro dell’Istruzione –, soprattutto in attività di carattere linguistico e matematico, ma anche per il ritorno del vivere assieme. Questo ci ha permesso di arrivare a settembre con una grande voglia e una grande partecipazione di tutti, espressa da due dati: il 91,5% del personale si è vaccinato e i ragazzi aumentano giorno dopo giorno sempre di più, soprattutto quelli fra i 16 e i 19 anni. Il commissario Figliuolo farà un’operazione di screening fra i 6 e i 14 anni, in modo da garantire anche i ragazzi più piccoli”.


Le parole di Roberto Speranza

“Abbiamo sin dall’inizio detto, come Governo, che questa è la priorità assoluta: far rientrare tutti in sicurezza in presenza a scuola. E io spero che presto avremo un numero molto alto di classi in cui tutti i ragazzi, oltre che gli insegnanti, saranno vaccinati. E questo consentirà di alleggerire ulteriormente le misure. A partire dalle mascherine, che possono essere abbassate nelle classi dove sono tutti vaccinati. La situazione epidemiologica è stabile e nel mese di agosto abbiamo avuto un indice Rt intorno a 1: questo è merito della campagna di vaccinazione. Abbiamo tenuto limitazioni leggere rispetto a quelle dei mesi precedenti, la campagna di vaccinazione è la vera arma che abbiamo e la risposta degli italiani è incoraggiante”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, in conferenza stampa.

Poi spiega: “Ieri abbiamo registrato 78 milioni di somministrazioni e il 70% della popolazione vaccinabile ha completato il ciclo. Il lavoro del commissario Figliuolo procede in modo molto positivo in stretta sinergia con le Regioni e ci porterà entro la fine di settembre a raggiungere l’80% della popolazione vaccinata”.

E ancora: “Sulla vaccinazione anti-Covid il segnale più bello sta arrivando dai più giovani. Da loro sta arrivando
un messaggio di grande fiducia, di libertà, con un numero molto significativo di vaccinazioni in corso e una percentuale che nei più giovani ha addirittura superato alcune delle generazioni di mezzo. È bello vedere tra i 20 e i 29 anni che c’è una risposta molto alta. E anche tra i 12 e i 18 anni. E questo ci offre un’arma in più per l’apertura delle scuole”.


Le parole di Mariastella Gelmini

“La collaborazione tra conferenza delle regioni e governo è un elemento positivo. Quando le regioni ricevono dallo Stato regole sulla campagna vaccinale, diventano un elemento fondamentale. Desidero ringraziare il presidente Fedriga e tutti i governatori, di tutti i colori politici”. Così la ministra degli Affari Regionali, Mariastella Gelmini, in conferenza stampa.


Le parole di Enrico Giovannini

“Ieri è partita la fase applicativa delle linee guida sui trasporti”, dunque “vorrei ringraziare i gestori delle diverse tipologie di trasporto, ma anche i viaggiatori perché secondo i dati che ci hanno inviato ieri sera da Trenitalia, il numero di persone sprovviste di Green pass trovate sui treni a lunga percorrenza, le frecce, gli intercity e altro sono lo 0,2%, parliamo di poco più di 70 persone”. Così il ministro delle Infrastrutture e delle mobilità sostenibili, Enrico Giovannini, in conferenza stampa..

Covid, ecco le “scuole sentinella”: test salivari per 55mila alunni ogni 15 giorni, prelievi realizzati dalle famiglie. Il piano [PDF]

Inizio scuola 2021, distanziamento di un metro fra i banchi, mascherine chirurgiche e frequente ricambio d’aria. INDICAZIONI ISS [PDF]

Green pass scuola, pronto il DPCM che autorizza la App per i controlli. BOZZA

Stampa

Didattica inclusiva attraverso alcune figure del mito greco. Corso online riconosciuto dal Ministero dell’istruzione